Mamerto di Vienne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Mamerto di Vienne
Mammertus.JPG
Incisione dal Little Pictorial Lives of the Saints (1878)
Arcivescovo
Nascita ?
Morte 475
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 11 maggio

Mamerto di Vienne, in francese Mamert de Vienne o saint Mamert (... – Vienne, 475), fu un arcivescovo francese del V secolo; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

San Mamerto è uno dei cosiddetti Santi di ghiaccio, con san Servazio, san Pancrazio e san Bonifacio di Tarso.

Agiografia[modifica | modifica wikitesto]

Fratello del teologo e poeta Claudiano Mamerto, pare si sia distinto come lui nella sua educazione letteraria e teologica.

Divenne vescovo di Vienne (Francia) nel 452, entrando in conflitto con l'arcivescovo di Arles, del quale contestava la supremazia, ma si dovette ugualmente sottomettere nel 463.

Egli introdusse in Gallia la processione delle Rogazioni a partire dal 470, allo scopo di porre fine ad una serie di calamità naturali.[1]

Il suo sarcofago fu rinvenuto negli anni 1860 ed è conservato oggi nell'antica chiesa di San Pietro di Vienne, oggi Museo Archeologico di San Pietro di Vienne.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Dedicate a san Mamerto vi sono una cappella nel comune di Les Côtes-d'Arey (dipartimento dell'Isère), una chiesa nel comune di Le Grand-Serre (dipartimento della Drôme) e la chiesa gotica di Montel-de-Gelat nel dipartimento del Puy de Dôme.

La sua Memoria liturgica cade l'11 maggio.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

San Mamerto è il patrono della cittadina di Puente Viejo dove si svolge l'intera trama della soap opera "Il Segreto".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Quest'informazione proviene dal suo secondo successore, il vescovo Sextus Alcimus Ecditius Avitus, noto con il nome di Sant'Avito di Vienne

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN301162980 · GND (DE1035078880