Maltrattamenti contro familiari o conviventi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Delitto di
Maltrattamenti contro familiari o conviventi
Fonte Codice penale italiano
Libro II , Titolo XI , Capo IV
Disposizioni art. 572
Competenza tribunale monocratico
Procedibilità d'ufficio
Pena reclusione da 2 a 6 anni o da 12 a 24 anni (in base alla gravità del fatto)

«Chiunque [...] maltratta una persona della famiglia o comunque convivente, o una persona sottoposta alla sua autorità o a lui affidata per ragioni di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia, o per l'esercizio di una professione o di un'arte, è punito con la reclusione [...].».[1]

Nel diritto penale italiano, il delitto di maltrattamenti contro familiari o conviventi è disciplinato dall'art. 572 del codice penale. Dopo la riforma introdotta con la legge n. 172 del 1º ottobre 2012 tale articolo punisce con la reclusione da due a sei anni chi, fuori dei casi indicati nell'art. 571 c.p., maltratta una persona della famiglia o comunque convivente o una persona sottoposta alla sua autorità o a lui affidata per ragioni di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia, o per l'esercizio di una professione o di un'arte. Se dai maltrattamenti deriva una lesione personale grave si applica la reclusione da quattro a nove anni; se ne deriva una lesione gravissima si applica la reclusione da sette a quindici anni; se ne deriva la morte si applica la reclusione da dodici a ventiquattro anni.[2] Si tratta di un reato abituale (per il quale l'autore deve compiere più comportamenti maltrattanti) e doloso (l'autore, quindi, deve intenzionalmente maltrattare la vittima). Nel caso in cui invece il ricevente dei maltrattamenti abbia meno di quattordici anni, allora la reclusione è aumentata a discrezione dell’autorità giudiziaria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo 572 Codice penale (R.D. 19 ottobre 1930, n.1398) in brocardi.it
  2. ^ Legge 1 ottobre 2012, n. 172, articolo 4, in materia di "Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d'Europa per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l'abuso sessuale, fatta a Lanzarote il 25 ottobre 2007, nonché norme di adeguamento dell'ordinamento interno."

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Colesanti e Lorena Lunardi, Il maltrattamento del minore. Aspetti medico-legali, giuridici e sociali, Milano, Giuffrè, 1995, ISBN 978-88-140-5448-8.
  • Monica Mazza, Maltrattamenti ed abuso dei mezzi di correzione, in Enciclopedia Giuridica, vol. 14, Roma, Treccani, 1990.
  • Pietro Semeraro, Famiglia e diritto penale, Roma, Aracne, 2016, ISBN 978-88-548-9427-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto