Maltrattamenti contro familiari o conviventi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Delitto di
Maltrattamenti contro familiari o conviventi
Fonte Codice penale italiano
Libro II, Titolo XI, Capo IV
Disposizioni art. 572
Competenza Tribunale monocratico, Tribunale colleggiale (ipotesi di lesione gravissima), Corte d'Assise (ipotesi di morte)
Procedibilità d'ufficio
Arresto Obbligatorio
Fermo non consentito (primo comma), consentito (secondo e terzo comma)
Pena reclusione da 3 a 7 anni o da 4 a 15 anni (se ne deriva una lesione grave o gravissima) 12 a 24 anni (se ne deriva la morte)

«Chiunque [...] maltratta una persona della famiglia o comunque convivente, o una persona sottoposta alla sua autorità o a lui affidata per ragioni di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia, o per l'esercizio di una professione o di un'arte, è punito con la reclusione [...].».[1]

Nel diritto penale italiano, il delitto di maltrattamenti contro familiari o conviventi è disciplinato dall'art. 572 del codice penale. Dopo la riforma introdotta con la legge n. 172 del 1º ottobre 2012 tale articolo punisce con la reclusione da due a sei anni chi, fuori dei casi indicati nell'art. 571 c.p., maltratta una persona della famiglia o comunque convivente o una persona sottoposta alla sua autorità o a lui affidata per ragioni di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia, o per l'esercizio di una professione o di un'arte. Se dai maltrattamenti deriva una lesione personale grave si applica la reclusione da quattro a nove anni; se ne deriva una lesione gravissima si applica la reclusione da sette a quindici anni; se ne deriva la morte si applica la reclusione da dodici a ventiquattro anni.[2] Si tratta di un reato abituale (per il quale l'autore deve compiere più comportamenti maltrattanti) e doloso (l'autore, quindi, deve intenzionalmente maltrattare la vittima). Nel caso in cui invece il ricevente dei maltrattamenti abbia meno di quattordici anni, allora la reclusione è aumentata a discrezione dell’autorità giudiziaria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo 572 Codice penale (R.D. 19 ottobre 1930, n.1398) in brocardi.it
  2. ^ Legge 1 ottobre 2012, n. 172, articolo 4, in materia di "Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d'Europa per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l'abuso sessuale, fatta a Lanzarote il 25 ottobre 2007, nonché norme di adeguamento dell'ordinamento interno."

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Colesanti e Lorena Lunardi, Il maltrattamento del minore. Aspetti medico-legali, giuridici e sociali, Milano, Giuffrè, 1995, ISBN 978-88-140-5448-8.
  • Monica Mazza, Maltrattamenti ed abuso dei mezzi di correzione, in Enciclopedia Giuridica, vol. 14, Roma, Treccani, 1990.
  • Pietro Semeraro, Famiglia e diritto penale, Roma, Aracne, 2016, ISBN 978-88-548-9427-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto