Maggioranza bulgara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Per maggioranza bulgara nel linguaggio giornalistico italiano si intende una maggioranza schiacciante di consensi non sostenuta però da un libero dibattito oppure come conseguenza di palesi elezioni farsa, cioè elezioni il cui risultato ha evidenti discrepanze dal volere popolare.

L'espressione deriva dalla situazione politica della Bulgaria, quando era il più fedele alleato dell'Unione sovietica, ma anche quello in cui il dibattito interno era inesistente. Il termine ha spesso una forte carica negativa ed è talvolta usato in senso ironico.[1] L'espressione è usata con lo stesso significato anche fuori dal campo strettamente politico.

L'influsso della locuzione "maggioranza bulgara"[2] sui successivi usi dell'aggettivo "bulgaro" è stata affermata anche dalla Treccani a proposito di editto bulgaro.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Frequenze governo battuto alla camera, su siciliainformazioni.com, Sicilia informazioni (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2008).
  2. ^ Da Il Devoto-Oli: «[C]on riferimento alla politica chiusa e dogmatica, propria del paese ai tempi del blocco sovietico: percentuale bulgara, il risultato plebiscitario di una votazione; per analogia: maggioranza bulgara, elezioni bulgare».
  3. ^ Parole bulgare tra Berlusconi e Biagi, su treccani.it, Treccani. URL consultato il 21 ottobre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica