Luk Dim Boon Kwun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il bastone dei sei punti e mezzo (六點半棍T, 六点半棍S, liùdiǎnbàngùn P, liu tian pan kun W) (in Cantonese luhk dim bun gwan) è una sequenza con arma del Wing Chun[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni[2] tramandano che questa sequenza sia entrata a far parte del patrimonio tecnico del Wing Chun a partire da Zhāng Wǔ 张五 (in Cantonese Jeung Hng) e che provenisse dagli ambienti della compagnia teatrale itinerante del Giunco Rosso (紅船中T, 红船中S, hóngchuánzhōng P, hung chuan chong W) (in Cantonese huhng syuhn jung)[3]. Dan Knight[4] spiega che un certo numero di personaggi del Wing Chun lavorarono come attori nel Giunco Rosso. Uno di questi, Liáng 'èrdì 梁二娣 (in Cantonese Leuhng Yih Daih) apprese l'utilizzo del bastone di un'altra arte marziale e ne semplificò il maneggio in collaborazione con Huáng Huábǎo 黄华宝 (in Cantonese Wohng Wah Bou), che lo introdusse nel sistema del Canto di Primavera.

Questo è ciò che riferiva Ip Man

« Chi Shin insegnò le Tecniche della Lunga Pertica dei Punti Sei e Mezzo a Leuhng Yih Daih. Wohng Wah Bou era molto vicino a Leuhng Yih Daih, ed essi scambiarono ciò che conoscevano sul Kongfu reciprocamente , collegando e migliorando le loro tecniche, e quindi le Tecniche della Lunga Pertica dei Punti Sei e Mezzo fu incorporata nel Kungfu Wingchun. »

(Ip Man, The Origin of Wing Chun[5])

Chi Shin è Zhìshàn Chánshī (至善禪師) che è legato alla leggenda di fondazione dell'Hung Gar.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Si esegue maneggiando un bastone lungo o palo, della lunghezza di circa 2,75 m. Nella maggioranza delle scuole, è la prima forma armata del Wing Chun ad essere insegnata all'allievo quando ha completato il sistema a mani nude. Lo scopo di questa forma è rafforzare nel praticante il principio della linea centrale, nonché di sviluppare una maggiore potenza mani nude. Infatti, nel Wing Chun, lo studio delle armi non è finalizzato all'utilizzo dell'arma stessa, bensì al miglioramento di alcune capacità che rendono più efficaci le prestazioni a mani nude.

Con questa forma, inoltre, si migliora la "struttura" e si impara a "canalizzare la forza in un solo punto" senza dispersione di energia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ yǒngchūnquán mùrénzhuāng 咏春拳木人桩, pag.88
  2. ^ yǒngchūnquán mùrénzhuāng 咏春拳木人桩, pag.88
  3. ^ yǒngchūnquán mùrénzhuāng 咏春拳木人桩, pag.88
  4. ^ Dan Knight, Wing Chun Kung Fu long Pole Form, pubblicato il 14 Mar 2014 in [1]
  5. ^ Ye Wen (Ip Man), Yongchun Yuanliu 詠春源流 (origine e sviluppo del Canto di Primavera), scritti originali

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Hán Guǎngjiǔ 韩广玖, yǒngchūnquán mùrénzhuāng 咏春拳木人桩, casa editrice 山西科技出版社, 2009 , ISBN 978-7-5377-3441-7

Forme del Wing Chun
A mani nude: Siu Nim Tau | Cham Kiu | Biu Tze
Al pupazzo di legno: Muk Yan Chong
Con le armi: Luk Dim Boon Kwun (bastone lungo) | Bart Cham Dao (coltelli a farfalla)