Associazione Sportiva Lucchese Libertas 1905

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Lucchese)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Lucchese" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Lucchese (disambigua).
AS Lucchese Libertas 1905
Calcio Football pictogram.svg
Lucchesestemma.png
Pantere, Rossoneri
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Bianco e Rosso (Diviso) e Nero e Rosso (Strisce).png Rosso e nero
Simboli Pantera
Inno La nostra, la mia città
Francesco Matteoni
Dati societari
Città Lucca
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie C
Fondazione 1905
Rifondazione 1919
Rifondazione 2008
Rifondazione 2011
Presidente Italia Carlo Bini (amministratore unico)
Allenatore Italia Giovanni Lopez
Stadio Porta Elisa
(12 800[1] posti)
Sito web www.asluccheselibertas.it/
Palmarès
Coppa Italia Lega Pro
Titoli nazionali 2 campionati di Serie B
Trofei nazionali 1 Coppe Italia Serie C/Lega Pro
1 Supercoppa di Lega di Seconda Divisione
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Lucchese Libertas 1905, meglio nota semplicemente come Lucchese, è una società calcistica italiana con sede nella città di Lucca.

È stata rifondata nel 2011 con il nome di F.C. Lucca (poi ridenominata F.C. Lucchese 1905), a seguito del fallimento dell'A.S. Lucchese Libertas 1905 avvenuto lo stesso anno. Ha assunto l'attuale denominazione nel 2013. Attualmente milita in Serie C.

La FIGC considera la Lucchese al quarantasettesimo posto nella graduatoria della tradizione sportiva dei club ad essa affiliati.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini e I primi due campionati nella massima serie[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 maggio 1905 il calcio arrivò a Lucca. il Lucca Football Club venne fondato da alcuni appassionati tra cui si ricordano Felice Menesini, Vittorio Menesini ed Ernesto Matteucci. I tre sportivi avevano appreso il gioco in Brasile, stato dove avevano trascorso alcuni anni per motivi di lavoro e dove il calcio era stato introdotto dai marinai inglesi. Le origini brasiliane del calcio a Lucca sono un caso probabilmente unico nel panorama del pionierismo sportivo italiano; infatti la creazione dei primi club, tra il 1896 e il 1906 ebbe un impulso decisivo dai britannici residenti in Italia o da studenti che si ispiravano a quanto si andava facendo a Genova, Torino e Milano. Probabilmente la scelta dei colori rossoneri fu dovuta ad una simpatia nei confronti del Milan, club che era stato campione d'Italia nel 1901 e che lo sarebbe ridiventato nel 1906. Il primo presidente e capitano fu Piero Lavoratorini. Nel 1909 il Lucca giocò il campionato toscano, e giunse seconda dietro al Firenze FBC. Tra i giocatori di questo periodo vanno ricordati anche i due britannici Spencer e Calvert, che risiedevano a Lucca per motivi di lavoro essendo impiegati presso la Cucirini Cantoni Coats.

Nella stagione 1912-1913 il Lucca militò nel girone unico della Promozione Toscana, venendo ammessa a fine stagione in Prima Categoria, la massima serie dell'epoca. L'esordio in massima serie non fu dei più felici per i lucchesi, con l'ultimo posto nel girone unico della Prima Categoria Toscana, ma nella stagione successiva il Lucca seppe riscattarsi raggiungendo, in virtù del 2º posto nel girone unico, la qualificazione al girone finale dell'Italia Centrale, sospeso all'ultima giornata a causa dell'inizio della grande guerra. Il periodo pionieristico si chiuse dunque con una notevole crescita e rafforzamento del club che, a circa dieci anni dalle prime partite, poteva vantare due partecipazioni alla massima serie nazionale, una delle quali arricchita dalla qualificazione al girone finale (che, se non fosse sopravvenuta la guerra avrebbe designato una delle partecipanti alla finale scudetto).

Gli anni venti[modifica | modifica wikitesto]

In un panorama calcistico ancora totalmente dilettantistico la guerra segnò la partenza per il fronte della maggior parte dei giocatori e dei dirigenti e la sospensione totale di ogni attività. Dopo il conflitto il Lucca FBC non esisteva praticamente più. Nei primi mesi del 1919 alcuni giovani sopravvissuti alle trincee, tra i quali lo studente Enrico Bonino, dettero vita alla Unione Sportiva Lucchese, la quale, pur cambiando il proprio nome era erede diretta della fortunata esperienza del Lucca FBC. Il primo presidente del dopoguerra fu Mario Casentini. Le ambizioni della compagine societaria erano quelle di tornare nella massima divisione nazionale favorendo la crescita di giocatori locali di ottime prospettive, alcuni dei quali sarebbero presto arrivati alla convocazione in Nazionale.

La Lucchese ripartì dal campionato di Promozione Toscana 1919-1920, che vinse, venendo promossa al Campionato di massima serie allora detto Prima Categoria. Nella stagione 1920-1921 ottenne un buon 3º posto nel girone unico della Prima Categoria Toscana, dietro soltanto a Livorno e Pisa. Nella stagione 1921-1922 non riuscì a cogliere il primo posto nel girone toscano e la qualificazione alle semifinali nazionali, ma il 2º posto nel girone unico della Prima Categoria Toscana le permise comunque di rimanere nella massima serie senza disputare gli spareggi salvezza previsti dal Compromesso Colombo. In quell'anno va segnalata anche la partecipazione alla prima Coppa Italia, con l'eliminazione che giunse solo in semifinale ad opera dell'Udinese. Nella stagione 1922-1923 la Lucchese non riuscì tuttavia a raggiungere la salvezza, complici le quattro retrocessioni per girone per ridurre la Prima Divisione a partire dal 1923-1924 da 36 a 24 squadre: il 9º posto nel girone C della Prima Divisione Nord non fu quindi sufficiente per salvarsi e la squadra abbandonò il massimo campionato retrocedendo in Seconda Divisione Nord. I tre campionati Prima Divisione avevano però permesso di formare un ottimo gruppo di giocatori e una forte squadra giovanile dalla quale sarebbero usciti vari talenti. I due elementi di spicco dei campionati dei primi anni venti furono Giovanni Moscardini ed Ernesto Bonino. Questi due giocatori furono i primi in assoluto convocati in nazionale provenienti da club diversi da quelli padano liguri. Dalle giovanili uscì poi il fortissimo attaccante Armando Bonino, fratello di Ernesto ed Enrico, il quale avrebbe segnato più di cento gol in maglia rossonera. Altro fatto importante degli anni venti fu la costruzione del primo stadio che era denominato "Piazza d'Armi" o "Campo di Marte" e si trovava a breve distanza dall'omonimo ospedale nonché dal luogo in cui sarebbe sorto lo Stadio Porta Elisa. Lo stadio aveva una tribuna coperta in stile vittoriano, tutta costruita in legno e con numerosi paloni a sostegno della tettoia. Sugli altri tre lati del campo vi erano dei parterres separati dal rettangolo di gioco da semplici cordicelle e dietro una delle due porte si trovava il locale degli spogliatoi.

Retrocessa tra i cadetti (campionato di Seconda Divisione, ribattezzato in Prima Divisione dal 1926 al 1929), la Lucchese vi rimase per diverse stagioni, senza mai lottare per la promozione. Nel 1924 l'Unione Sportiva Lucchese decise di fondersi con l'altra realtà sportiva della città di Lucca, la S.S. Ginnastica Lucchese Sportiva Libertas diventando U.S. Lucchese Libertas. Alla fine della stagione 1928-1929 il campionato di Prima Divisione venne declassato a terzo livello a causa della scissione della massima serie (la Divisione Nazionale) in due gironi. I due campionati risultanti furono strutturati a girone unico: Divisione Nazionale Serie A e Divisione Nazionale Serie B. Nel 1929-1930, finalmente, la Lucchese riuscì a vincere il girone A della Prima Divisione Nord dopo aver vinto lo spareggio con la Rivarolese, venendo così promossa in Serie B.

I fantastici anni trenta[modifica | modifica wikitesto]

La permanenza in B durò solo una stagione. La Lucchese rimase poi per tre stagioni in terza serie, durante le quali vi fu l'avvento al timone della società dell'ambizioso presidente Giuseppe Della Santina. Della Santina ingaggiò l'allenatore ungherese Ernő Erbstein, con l'intento di puntare in pochi anni al ritorno in serie A. La promozione in B avvenne al termine della stagione 1933-1934, in virtù della vittoria del girone eliminatorio e del 1º posto conseguito nel girone finale C di Prima Divisione Interregionale.

Nel campionato 1935-1936 la Lucchese conquistò la Serie A a girone unico. La squadra era composta da giocatori molto forti per la categoria tra cui il portiere Aldo Olivieri e Vinicio Viani, che realizzò 35 reti in 34 partite. Nella stagione di esordio in A raggiunse un notevole risultato per una matricola, il 7º posto, ma nel giro di due stagioni la squadra declinò inesorabilmente, sfiorando la retrocessione nel 1937-1938 (14º posto), retrocessione che si concretizzò al termine della stagione 1938-1939 a causa del 16º e ultimo posto, dovuto, a parità di punti, a un peggior quoziente reti rispetto a Livorno e Triestina (quest'ultima salva proprio in virtù del quoziente reti).

Enormi soddisfazioni per la società ed i tifosi vennero dall'apporto dei migliori giocatori rossoneri alla nazionale di Vittorio Pozzo. In particolare vanno ricordati i giochi olimpici di Berlino 1936, nei quali l'Italia conquistò la medaglia d'oro. In quella formazione giocò da titolare Libero Marchini. Altrettanto importanti per la Lucchese furono i mondiali del 1938. Il portiere titolare della nazionale fu infatti Aldo Olivieri, il cui apporto risultò decisivo in varie occasioni. La Lucchese è dunque tra le non molte società calcistiche che possono vantare, tra i loro tesserati, un campione olimpico e un campione del mondo.

Gli anni quaranta e cinquanta[modifica | modifica wikitesto]

Retrocessa in Serie B, sfiorò il ritorno immediato in A nella stagione 1939-1940 (3º posto), ma le stagioni successive furono alquanto mediocri e al termine della stagione 1941-1942, con il 18º posto in Serie B, arrivò addirittura la retrocessione in Serie C, nonché addirittura lo scioglimento della società per difficoltà belliche.

Un derby tra Pisa e Lucchese del 1972.

Alla ripresa dei campionati, nel 1945-1946, la Lucchese militò in Serie C, raggiungendo il 2º posto nel girone A di Serie C della Lega Centro-Sud. Al termine della stagione, arrivò la promozione a tavolino in Serie B. Nella stagione successiva (1946-1947) la squadra riuscì addirittura da neopromossa a vincere il girone B di Serie B, tornando così in serie A. Il merito, oltre al gruppo, fu del capocannoniere Ugo Conti che realizzò 27 reti. La serie A durò per 5 anni, durante i quali la Lucchese riuscì anche a centrare un discreto ottavo posto (1948-1949), concludendo 3 stagioni delle 5 in questione al 14º-15º posto. Nella stagione 1951-1952, tuttavia, sconfitta nello spareggio con la Triestina, precipitò di nuovo in Serie B: da allora non avrebbe più ritrovato la A. Nei due anni successivi ulteriori due retrocessioni consecutive catapultarono addirittura la Lucchese dalla Serie B alla IV Serie.

Rimase in IV Serie per quattro stagioni, fino alla stagione 1957-1958, al termine della quale la compagine lucchese, venne ammessa a tavolino in Serie C.

Dagli anni sessanta agli anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

La Lucchese che riconquistò la Serie C1 nella stagione 1985-1986.

La vittoria sul campo del campionato 1960-1961 riportò la compagine rossonera in serie B, ma quello fu l'ultimo momento di gloria fino all'acquisto nel 1985 da parte del gruppo Superal.

Al termine della stagione 1962-1963, a causa del 20º posto in Serie B, ritornò di nuovo in Serie C e sole tre stagioni dopo (1965-1966) la squadra precipitò addirittura in Serie D. Ritornò in C al termine della stagione 1968-1969, vincendo lo spareggio con la Sarzanese. Militò nella terza serie nazionale per circa un decennio, piazzandosi sempre nelle prime sette posizioni e sfiorando il ritorno in B soprattutto nella stagione 1977-1978 (2º posto nel girone B della Serie C); altri piazzamenti degni di nota furono due terzi posti consecutivi nelle stagioni 1972-1973 e 1973-1974.

Al termine della stagione 1978-1979, a causa di un inaspettato 17º posto nel girone A della Serie C1, la squadra precipitò addirittura in Serie C2. Nelle sei stagioni successive la Lucchese, pur terminando sempre tra le prime sette classificate (il piazzamento più frequente fu il quarto posto, raggiunto in quattro occasioni su sei), non riuscì mai a centrare la promozione in C1, per conquistare la quale avrebbe dovuto classificarsi tra le migliori due.

Appena acquistata la società, il presidente Egiziano Maestrelli, riportò subito nel calcio professionistico la Lucchese, vincendo il campionato 1985-1986 di Serie C2.

Nel campionato 1988-1989 Pino Vitale chiamò come allenatore Corrado Orrico ed insieme al presidente acquistarono giocatori importanti, tra i quali Paci, Di Stefano e Giusti che nel campionato 1989-1990 portarono, dopo 27 anni, la Lucchese nuovamente sui campi di serie B vincendo anche, nella stessa stagione, la Coppa Italia di categoria.

La Lucchese del 1989-1990 festeggia sul prato della Favorita il successo nella Coppa Italia di Serie C, vinta superando in finale il Palermo.

Per 9 anni la Lucchese giocò in Serie B, ottenendo nelle stagioni 1990-1991 e 1995-1996 la possibilità di andare in serie A, ma nella stagione 1998-1999 retrocedette in Serie C1. Nella stessa stagione, dopo 14 anni, Egiziano Maestrelli lasciò nelle mani del socio Aldo Grassi la società.

Gli anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Nel periodo Grassi, la Lucchese restò in Serie C1 disputando due spareggi promozione, arrivando in finale nel 2002 ma contro la Triestina perse all'andata 2-0 e, pareggio il ritorno 3-3, così decise il 21 luglio 2005, dopo 20 anni, di cedere la Lucchese all'imprenditore italo-siriano Fouzi Hadj.

L'arrivo alla presidenza di Fouzi Hadj, proprietario ditta «Katex Italia S.r.l.», specializzata in import-export di tubazioni e materiale siderurgico[3], avvenuto ufficialmente il 12 agosto 2005, portò una ventata di entusiasmo, visti gli ambiziosi propositi di promozione e l'arrivo a Lucca di personaggi di spicco: in qualità di Direttore Tecnico fu assunto Luigi Simoni, come Direttore Sportivo Spartaco Landini e come allenatore Franco Scoglio.

Tuttavia, tra la fine del 2006 e l'inizio del 2007 arrivò un nuovo Direttore Generale, Fabrizio De Poli ed un nuovo allenatore, Paolo Stringara che sostituì l'esonerato Fulvio Pea, che comunque non riuscì a portare la squadra ai play-off. Per il campionato 2007-2008 la guida tecnica della squadra fu affidata a Piero Braglia, il risultato non fu eccellente e la Lucchese non riuscì a disputare gli spareggi per la promozione in Serie B.

L'estate del 2008 sarà travagliata per il club rossonero, che conoscerà l'onta del fallimento, a causa di uno stato di insolvenza cronica dovuto al mancato pagamento dei debiti contratti durante la gestione di Fouzi Hadj, per un "buco" accertato di oltre 7 milioni di euro[4]. Il club, a causa di questa situazione debitoria, è stato escluso da ogni campionato. Per ovviare al vuoto lasciato dal club che si trovava in Prima Divisione, scende in campo il Sindaco di Lucca, Mauro Favilla, che costituisce una nuova società, l'A.S.D. Sporting Lucchese, che chiede il ripescaggio in Serie D[5], ottenendo l'inserimento nel girone E, in sovrannumero[6], per meriti sportivi. La squadra, guidata dal nuovo Presidente Giuliano Giuliani, con Paolo Giovannini Direttore Sportivo e Giancarlo Favarin allenatore, con una squadra formata da giocatori tra cui Venturelli, Mocarelli e Scandurra, domina il campionato aggiudicandosi, battendo il Gavorrano al Porta Elisa con cinque giornate di anticipo, la promozione in Lega Pro Seconda Divisione.

Nel frattempo, il 18 novembre 2008 diventa ufficiale il primo fallimento della storia calcistica rossonera, notizia che era ormai ufficiosa già da diversi mesi.[7] Il successivo 10 dicembre la F.I.G.C. decreta la cancellazione della A.S. Lucchese Libertas dal panorama calcistico nazionale.[8]

Il 30 marzo 2009 il Presidente Giuliani riacquistò il centenario marchio della A.S. Lucchese Libertas 1905 all'asta fallimentare del Tribunale di Lucca.[9]

Il 5 agosto 2009 la F.I.G.C. autorizzò il cambio di denominazione sociale da Sporting Lucchese S.r.l. ad Associazione Sportiva Lucchese Libertas 1905 S.r.l.[10]. Nella stagione 2009-2010 la Lucchese conquistò la Lega Pro Prima Divisione e battendo in un triangolare le vincitrici degli altri due gironi di Seconda Divisione, la compagine rossonera si aggiudicò anche la Supercoppa di Lega di Seconda Divisione.

Gli anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

L'ex proprietario siriano Fouzi Hadj viene arrestato dalla Guardia di Finanza il 10 marzo 2010, con l'accusa di bancarotta fraudolenta documentale, distrazione e preferenziale, falso in bilancio e false comunicazioni, che portarono anche la Lucchese al fallimento[11].

Nonostante il ritorno in terza serie dopo soli due anni dal fallimento, il 12 marzo 2012 il tribunale fallimentare di Lucca ne dichiara il fallimento per la seconda volta in tre anni[12].

La Lucca calcistica rimane nuovamente orfana del suo club: due fallimenti in quaranta mesi per la Lucchese, che batte perfino il record che apparteneva al Cosenza (quattro anni da una gestione fallimentare all'altra). La fine della Libertas appariva scontata da mesi: soprattutto quando, il 4 ottobre 2011, viene nominato come liquidatore Covili Faggioli, già amministratore delegato del Piacenza.

Nell'estate del 2011, quindi, sarà l'ex rossonero Bruno Russo, vera "bandiera" della Lucchese, a smuovere le acque, nelle vesti di direttore generale, riuscendo a coinvolgere cinque giovani imprenditori che si fanno carico di risollevare le tradizioni calcistiche della città. Viene così fondata la nuova Football Club Lucca 2011, nata in pochi giorni per sopperire alla fine della A.S. Lucchese Libertas, e iscritta in sovrannumero al campionato di Eccellenza Toscana[13]. La denominazione si ricollega alle origini. Non viene scelto alcun logo: sulla maglia compare infatti una semplice scritta stilizzata. Tutto inizia ad agosto senza una sede, senza materiale tecnico, con pochi giocatori certi e tanti giovani in prova ogni giorno; Bruno Russo porta avanti il suo progetto con determinazione e la voglia di far bene nella città che in passato gli ha dato molto. L'allenatore è Giacomo Lazzini, ex calciatore di Empoli, Carrarese e Catanzaro[14].

La stagione si dimostra eccellente: la squadra domina il girone A vincendo il campionato 2011-2012 ottenendo la promozione in Serie D con sei giornate di anticipo. Ciononostante, il tecnico non viene confermato[15].

Al termine della stagione la società assume la denominazione di Lucchese Football Club 1905, con Nicola Giannecchini presidente[16] e con tale nome parteciperà alla Serie D. Intanto il vecchio marchio della Lucchese Libertas viene acquistato dal Lucca United, associazione di azionariato popolare; è uno dei primi casi in Italia in cui i tifosi detengono il marchio della propria squadra. La società, comunque, adotta un restyling dello storico marchio, sempre ovale, ma con le strisce verticali rossonere alternate posizionate a sinistra, mentre a destra, in alto, campeggia la scritta "Football Club Lucchese 1905", e in basso una pantera, simbolo della città.

Il 7 giugno 2012 a guidare il gruppo rossonero viene chiamato Luciano Bruni, ma si dimette il 16 agosto successivo, ancor prima dell'inizio del campionato, a causa di alcune divergenze di vedute con il D.S. Bruno Russo sulla direzione della squadra e sulla scelta dei giocatori. A sostituirlo viene promosso il suo vice Duccio Innocenti, alla sua prima esperienza da allenatore di una prima squadra[17] (con Oliviero Di Stefano vice). La Lucchese, sotto la sua guida si è piazzata al quarto posto (dietro Tuttocuoio, Massese e Atletico Pro Piacenza), con il maggior numero di vittorie in trasferta e la difesa meno perforata del girone. Nei play-off vengono eliminati per mano dell'Atletico Pro Piacenza, perdendo la semifinale secca per 2-0 al Porta Elisa.

A fine stagione la società torna alla denominazione A.S. Lucchese Libertas 1905, grazie ad un accordo quinquennale con l'associazione Lucca United[18]. Il 2 novembre 2013 il cda nomina presidente il nuovo socio di maggioranza Andrea Bacci, con Nicola Giannecchini vicepresidente.

Il 4 maggio 2014 la Lucchese viene promossa nella nascitura Lega Pro unica battendo in trasferta e in uno scontro diretto la Correggese per 2-1 nell'ultima giornata del girone D della Serie D.

Successivamente, il 4 agosto 2014 la Lucchese è stata inserita nel girone B della Lega Pro insieme alle altre squadre toscane arrivando decima, e l'anno successivo raggiunse una sofferta salvezza terminando un punto sopra la zona play-out.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Associazione Sportiva Lucchese Libertas 1905
  • 1905 - Fondazione del Lucca Football Club.
  • 1905-1912 - Attività a carattere locale.


Semifinalista di Coppa Italia.

Secondo turno eliminatorio di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Terzo turno eliminatorio di Coppa Italia.

Ottavi di finale di Coppa Italia.
  • 1941-1942 - 18ª in Serie B. Retrocessa in Serie C e successivamente sciolta per difficoltà belliche.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
  • 1942-1943 - La società rimane inattiva e non partecipa ad alcun campionato. Il G.S. Lucchese "Igino Giannini" si iscrive al campionato toscano di Prima Divisione e in seguito viene ricostituita l'Unione Sportiva Lucchese Libertas che viene iscritta al campionato misto di guerra Alta Italia.
  • 1943-1944 - 2ª nel girone unico toscano del Campionato Misto di Guerra. Ammessa alle semifinali interregionali rinuncia a disputare le semifinali.
  • 1944-1945 - Attività sospesa per cause belliche.
  • 1945 - Alla ripresa delle attività sportive, la società viene ammessa in Serie C per meriti bellici.
  • 1945-1946 - 2ª nel girone A della Lega Naz. Centro-Sud di Serie C. Ammessa a tavolino in Serie B.
  • 1946-1947 - 1ª nel girone B della Serie B. Promossa in Serie A.
  • 1947-1948 - 14ª in Serie A.
  • 1948-1949 - 8ª in Serie A.
  • 1949-1950 - 15ª in Serie A.

Primo turno di Coppa Italia.

Primo turno di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.

Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Ottavi di finale di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Ottavi di finale di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.
  • 1978-1979 - 17ª nel girone A della Serie C1. Retrocessa in Serie C2. Cambia denominazione in Unione Sportiva Lucchese Libertas S.r.l..
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.

 ? di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 1982 - Cambia denominazione in Nuova Unione Sportiva Lucchese Libertas S.r.l.
  • 1982-1983 - 7ª nel girone A della Serie C2.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 1983-1984 - 4ª nel girone A della Serie C2. Cambia denominazione in Associazione Sportiva Lucchese Libertas S.r.l..
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
 ? di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
Vince la Coppa Italia di Serie C (1º titolo).

Primo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Fase a gironi di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.

Ottavi di finale di Coppa Italia Serie C.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
Primo turno di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie C.
Primo turno di Coppa Italia.
Quarti di finale di Coppa Italia Serie C.
Primo turno di Coppa Italia.
Semifinalista di Coppa Italia Serie C.
  • 2007-2008 - 8ª nel girone A della Serie C1. Nell'estate, la società viene esclusa, tentando una estrema ripartenza in Terza Categoria, ma viene dichiarata fallita il 18 novembre e successivamente radiata il 10 dicembre 2008 dalla FIGC.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
  • 2008 - Il sindaco di Lucca fonda la nuova società denominata Sporting Lucchese S.r.l. che viene ammessa dalla FIGC a disputare in sovrannumero il campionato di Serie D per i pregressi meriti sportivi.
  • 2008-2009 - 1ª nel girone E della Serie D. Promossa in Lega Pro Seconda Divisione. Cambia denominazione in Associazione Sportiva Lucchese Libertas 1905.
  • 2009-2010 - 1ª nel girone B della Lega Pro Seconda Divisione. Promossa in Lega Pro Prima Divisione.
Primo turno di Coppa Italia Lega Pro.
Vince la Supercoppa di Lega di Seconda Divisione (1º titolo).

Primo turno di Coppa Italia.
Terzo turno di Coppa Italia Lega Pro.
  • 2011 - Il sodalizio, ripartito dalla Terza Categoria, fallisce nel mese di marzo 2012. In estate, viene fondata l'Associazione Sportiva Dilettantistica Football Club Lucca 2011 che la FIGC fa ripartire in sovrannumero dal campionato di Eccellenza.[19]
  • 2011-2012 - 1ª nel girone A dell'Eccellenza Toscana. Promossa in Serie D. Al termine della stagione cambia denominazione in Lucchese Football Club 1905.
  • 2012-2013 - 3ª nel girone D della Serie D. Perde la semifinale dei play-off contro l'Atletico Pro Piacenza.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2013 - La società cambia denominazione in Associazione Sportiva Lucchese Libertas 1905.
  • 2013-2014 - 1ª nel girone D della Serie D. Promossa in Lega Pro.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
Fase a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
Primo turno di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Lega Pro.
Fase a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
Primo turno di Coppa Italia.
Partecipa alla Coppa Italia Serie C.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

Fin dalla fondazione della Lucchese, i colori societari sono il rosso e il nero, inseriti su una divisa a strisce. Tale abbinamento fu scelto dai soci fondatori in omaggio alla squadra del Milan che nei primi anni del novecento vinse tre campionati.[20]

In occasione del centenario della fondazione della società, nel 2005, lo sponsor tecnico Erreà disegnò una particolare divisa celebrativa, esattamente a metà tra i colori rosso e nero, caratterizzata da un laccetto old style al collo.[21] La divisa ebbe un grande successo fra i tifosi, tanto che ne fu decisa la ristampa nel 2009.[22] Dieci anni dopo, nel 2015, per i 110 anni dalla fondazione, la Lucchese indossò una terza maglia celebrativa completamente dorata, griffata Legea.[23]

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma della società è costituito da un ovale diviso a metà: nella parte sinistra vi sono i colori della bandiera cittadina, il bianco e il rosso (divisi orizzontalmente da una linea dorata, che circonda anche l'intero stemma), con la scritta A.S. LUCCHESE LIBERTAS. Nella parte destra vi sono invece linee verticali rosse e nere, sovrastate dal disegno stilizzato di una pantera in oro, in posizione eretta (simbolo della città di Lucca).

Inno[modifica | modifica wikitesto]

L'inno della Lucchese si intitola "La nostra, la mia città". L'obiettivo primario del brano, composto nel 2014 dal cantautore Francesco Matteoni su commissione della società e presentato il 16 novembre prima del derby casalingo con la Pistoiese, è stimolare il senso di appartenenza dei cittadini di Lucca, facendo leva sul legame della Lucchese con la tifoseria e con la città.[24]

Mascotte[modifica | modifica wikitesto]

La mascotte della Lucchese è Mister Pantera, una pantera nera, simbolo del sodalizio, che indossa la classica divisa palata rossonera. Il personaggio è stato presentato durante una conferenza stampa il primo dicembre 2012; il nome è stato successivamente scelto dai tifosi tramite un sondaggio on-line lanciato sul sito web ufficiale della società.[25]

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Porta Elisa.

Inizialmente la Lucchese disputava le gare interne a piazzale Verdi, all'interno delle mura cittadine. Il campo era improvvisato, e gli incassi si aggiravano intorno alle cento lire. Successivamente le partite vennero giocate al "Campaccio", nei pressi di Borgo Giannotti (fuori da Porta Santa Maria), in un campo recintato da tavole e con tribune in legno. Dopo il Primo conflitto mondiale, la Lucchese (in quel periodo aveva come denominazione "Unione sportiva Lucchese") si spostò poi al campo sportivo "Campo di Marte", nel quartiere di San Marco, dove fu allestita anche una capiente tribuna coperta.

La squadra vi rimase fino all'ottobre del 1934, quando venne inaugurato l'attuale stadio di casa della compagine rossonera : il Porta Elisa. L'impianto di San Marco, infatti, non rispondeva più ai requisiti minimi per poter disputare campionati di alto livello. Il Porta Elisa, realizzato per uso polivalente su richiesta della società, fu costruito proprio nei pressi del vecchio impianto "Campo di Marte", non lontano dall'omonima porta cittadina, da cui prende il nome.

Inizialmente dotato di due sole tribune (una coperta e una scoperta, a gradoni), fu poi ampliato nel corso degli anni, con l'aggiunta della curva ovest e della curva est (quest'ultima dedicata alle tifoserie ospiti). Tutt'oggi la Lucchese gioca le partite interne in questo stadio.

Centro di allenamento[modifica | modifica wikitesto]

La Lucchese tuttora si allena nell'impianto polisportivo comunale "acquedotto" posto sulla riva destra del fiume Serchio.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Dirigenti dell'A.S. Lucchese Libertas 1905

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

[26]

Lucchesestemma.png
Staff dell'area amministrativa
  • Italia Carlo Bini - Amministratore unico
  • Italia Gianluca Campani - Consigliere di amministrazione
  • Italia Antonio Obbedio - Direttore sportivo
  • Italia Marcella Ghilardi - Segretaria generale
  • Italia Giacomo Bernardi - Responsabile ufficio stampa
  • Italia Moreno Micheloni - Responsabile delle relazioni con i tifosi (SLO)
  • Italia Fabio Fazio - Delegato alla sicurezza
  • Italia Andrea Ruglioni - Responsabile settore giovanile

[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito l'elenco dei fornitori tecnici e degli sponsor ufficiali.[27]

Lucchesestemma.png
Cronologia degli sponsor tecnici
Lucchesestemma.png
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • 1982-1983 Il Paguro
  • 1983-1984 Città di Lucca
  • 1984-1989 Superal
  • 1989-1993 Bertolli
  • 1993-1994 nessuno sponsor
  • 1994-1999 Cremlat
  • 1999-2001 Amore e Vita/C.R. Volterra
  • 2001-2002 Lucca Bingo
  • 2002-2003 Amore e Vita/Olio Fabbri
  • 2003-2005 Olio Rocchi
  • 2005-2007 ...
  • 2007-2008 Cipriano Costruzioni
  • 2008-2011 Gesam Gas[29]
  • 2011-2013 Gruppo Dac[31]
  • 2013-2014 Dì Lucca TV[32]
  • 2014-2015 Enexd Ltd/Dì Lucca TV[33]
  • 2015-2016 nessuno sponsor[23]
  • 2016-2017 Dì Lucca TV
  • 2017-2018 Ditv

Impegno nel sociale[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 gennaio 2015 una rappresentanza di calciatori della squadra, accompagnati dalla mascotte Mister Pantera e dal direttore generale Giovanni Galli, hanno distribuito dolci giocattoli ai bambini ricoverati presso il reparto di Pediatria dell'ospedale San Luca di Lucca, mostrando dunque vicinanza ai piccoli pazienti ed alle loro famiglie.[34]

Settore giovanile[modifica | modifica wikitesto]

I successi più importanti, per quanto riguarda il settore giovanile, riguardano gli anni di Maestrelli, in cui gli allievi vinsero il campionato nazionale allora formato da squadre di Serie A e B, e non di Lega Pro come oggi. Nell'era contemporanea c'è pero voglia di ritornare ai fasti di un tempo e la categoria Berretti nella stagione 2014-2015 ha sfiorato il tricolore perdendo in semifinale contro l'Aversa Normanna.

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito l'elenco di tutti gli allenatori.[35]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'A.S. Lucchese Libertas 1905
Lucchesestemma.png
Allenatori

Di seguito l'elenco di tutti i presidenti.[36]

Lucchesestemma.png
Presidenti
  • 1918-1919 Italia Casentini
  • 1919-1922 Italia Conte Sardi
  • 1922-1930 Italia Gaetano Montauti
  • 1930-1936 Italia Giuseppe Della Santina
  • 1936-1938 Italia Giuseppe Della Santina e Italia Antonio Fontana
  • 1938-1941 Italia Antonio Fontana
  • 1941-1942 Italia Mariti
  • 1942-1945 Campionato non disputato
  • 1945-1948 Italia Antonio Fontana
  • 1948-1951 Italia Giuseppe Della Santina e Italia Antonio Fontana
  • 1951-1953 Italia Umberto Paradossi
  • 1953-1954 Italia Mario Tenucci (comm. straordinario)
  • 1954-1957 Italia Giuseppe Della Santina
  • 1957-1958 Italia Giuseppe Tedeschi
  • 1958-1962 Italia Mario Frezza
  • 1962-1966 Italia Quirino Baccelli
  • 1966-1971 Italia Lino Quilici
  • 1971-1978 Italia Vasco Vannucchi
  • 1978-1981 Italia Aldo Biagini
  • 1981-1982 Italia Roberto Fanucchi (comm. straordinario)
  • 1982-1983 Italia Domenico Ragone (amm. unico)
    Italia Luporini (comm. straordinario)
  • 1983-1985 Italia Piergiorgio Casanova
  • 1985-1999 Italia Egiziano Maestrelli
  • 1999-2005 Italia Aldo Grassi
  • 2005-2008 Siria Ahmad Fouzi Hadj
  • 2008-2011 Italia Giuliano Giuliani
  • 2011-2012 Italia Giuseppe Bulleri
    Italia Nicola De Luca
  • 2012-2013 Italia Nicola Giannecchini
  • 2013-2016 Italia Andrea Bacci
  • 2016-2017 Italia Andrea Bacci
    Italia Carlo Bini (amm. unico)
  • 2017-2018 Italia Carlo Bini (amm. unico)

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'A.S. Lucchese Libertas 1905

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1935-1936
2010
1989-1990

Competizioni interregionali[modifica | modifica wikitesto]

1946-1947 (girone B)
1960-1961 (girone B)
1985-1986 (girone A)
2009-2010 (girone B)
1968-1969 (girone E), 2008-2009 (girone E), 2013-2014 (girone D)
1929-1930 (girone A), 1933-1934 (girone finale C)

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

2011-2012 (girone A)

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Prima Categoria 4 1913-1914 1921-1922 13
Prima Divisione 1 1922-1923
Serie A 8 1936-1937 1951-1952
Seconda Divisione 3 1923-1924 1925-1926 24
Prima Divisione 2 1926-1927 1927-1928
Serie B 19 1930-1931 1998-1999
Prima Divisione 6 1928-1929 1945-1946 40
Serie C 17 1953-1954 2017-2018
Serie C1 14 1978-1979 2007-2008
Lega Pro Prima Divisione 1 2010-2011
Lega Pro 2 2014-2015 2015-2016
IV Serie 4 1954-1955 1957-1958 15
Serie D 3 1966-1967 1968-1969
Serie C2 7 1979-1980 1985-1986
Lega Pro Seconda Divisione 1 2009-2010
Serie D 3 2008-2009 2013-2014 3

La Lucchese ha disputato complessivamente 93 stagioni sportive a livello nazionale. In precedenza il suo predecessore, il Lucca FC, afferiva al Comitato Regionale Toscano. Sono considerati professionistici, ai sensi delle NOIF della FIGC in tema di tradizione sportiva cittadina, i 67 campionati in Serie A, B, C, C1 e C2. La squadra non fu attiva fra il 1942 e il 1945 a causa della Seconda guerra mondiale. Nella stagione di Eccellenza 2011-2012 la società ha conosciuto la sua unica annata di attività a livello puramente regionale.

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito i primatisti di presenze e reti.[37][38]

Lucchesestemma.png
Record di presenze
Lucchesestemma.png
Record di reti

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il fulcro centrale della tifoseria è la storica curva ovest, capace di dare un gran colpo d'occhio durante gli anni '80-'90, ha visto successivamente calare il suo prestigio. La curva rimase chiusa dal 2008 al 2014, a causa dello scioglimento della tifoseria, per mano del gruppo ultras "Bulldog", che ha allontanato altri membri del tifo lucchese.

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Derby calcistici in Toscana e Derby calcistici in Toscana (arcaici).

La tifoseria rossonera ha buoni rapporti con le tifoserie di Fidelis Andria, Ravenna, Palermo e Viterbese, per via dell'astio tra viterbesi e pisani.[39]

Molto forte la rivalità con i tifosi dello Spezia, sfociata spesso in episodi violenti. Tuttavia la rivalità più sentita è quella col Pisa, le due città caratterizzate da un odio millenario, hanno riversato sul calcio le rispettive controversie storiche. Questa rivalità assume livelli molto alti e il derby che lo caratterizza necessita di un elevato dispiego di forze dell'ordine per evitare gli scontri. L'elevato numero di campionati disputati insieme nel corso della storia, soprattutto in Serie C hanno permesso alle due tifoserie di manifestare direttamente sugli spalti la propria rivalità per molti anni.[39] Altre rivalità sentite si hanno con: Livorno[39], Empoli[39], Venezia[39], Cosenza[39], SPAL[39], Carrarese[39], Siena[39], Pistoiese[39] e Viareggio[39].

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Associazione Sportiva Lucchese Libertas 1905 2017-2018.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 31 agosto 2017.[40]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Giuseppe Di Masi
2 Italia D Christian Tavanti
3 Italia D Luca Cecchini
4 Italia C Tommaso Arrigoni
5 Italia D Marco Maini
6 Italia D Ciro Capuano
7 Italia A Mario Merlonghi
8 Italia C Nicola Mingazzini
9 Italia A Stefano Del Sante
10 Italia C Jacopo Fanucchi
11 Italia D Giorgio Palumbo
12 Italia P Alex Nannelli
13 Italia D Riccardo Baroni
14 Italia D Andrea Razzanelli
N. Ruolo Giocatore
15 Italia C Matteo Nolè
16 Italia C Giorgio D'Angelo
17 Italia A Andrea Bragadin
18 Italia A Alessandro De Vena
19 Argentina D Marcos Espeche
20 Italia A Federico Russo
21 Italia C Samuele Damiani
22 Italia P Marco Albertoni
23 Italia A Mattia Bortolussi
24 Italia C Antonio Cardore
25 Italia D Antonio Magli
26 Italia P Jacopo Pagnini
Italia C Filippo Strada
Italia C Emiliano Fratini

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Lucchesestemma.png
Staff dell'area tecnica
Area tecnica
  • Italia Giovanni Lopez - Allenatore
  • carica vacante - Allenatore in seconda
  • Italia Riccardo Guidi - Preparatore atletico
  • Italia Enzo Biato - Preparatore dei portieri
  • Italia Antonio Niccolai - Collaboratore tecnico
  • Italia Vanni Pessotto - Team manager
Area sanitaria
  • Italia Adolfo Tambellini - Medico sociale
  • Italia Alvaro Vannucchi - Massaggiatore
  • Italia Cristiano Gaddini - Massaggiatore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stadi di calcio - elenco degli impianti di calcio delle serie professionistiche italiane (PDF), osservatoriosport.interno.gov.it, luglio 2015. URL consultato il 22 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2015).
  2. ^ Criteri di calcolo della tradizione sportiva nel comunicato 2015/16 della FIGC (PDF), figc.it. URL consultato il 3 luglio 2015.
  3. ^ Gli strani intrecci del Dott. (?) Fouzi Hadj Lavocedilucca.it, 19-02-2009.
  4. ^ Chiesto il fallimento della società di Hadj Lanazione.it, 28-08-2008.
  5. ^ Alessandro Petrini - Presentata l'istanza per l'iscrizione alla D dello Sporting Lucchese Loschermo.it, 31-07-2008.
  6. ^ Alessandro Petrini - La Sporting Lucchese ammessa alla Serie D Loschermo.it, 27-08-2008.
  7. ^ Celebrata l'udienza, per la Lucchese Libertas imminente il fallimento, 18 novembre 2008.
  8. ^ Lucchese Libertas radiata dalla Figc, 12 dicembre 2008.
  9. ^ La Pantera torna a casa: Giuliani si aggiudica lo storico marchio per 51mila euro, 30 marzo 2009.
  10. ^ Si torna all'antico: si chiude l'era Sporting Lucchese, risorgono i 104 anni di storia della Lucchese Libertas 1905, 5 agosto 2009.
  11. ^ Luca Tronchetti - «Non sono Hadj, sono il caldaista» Iltirreno.it, 12-03-2010.
  12. ^ L'A.S. Lucchese è fallita. All'asta logo e marchio Iltirreno.it, 13-04-2012.
  13. ^ L'F.C. Lucca 2011 è ufficialmente in Eccellenza Tifolucchese.com, 04-08-2011.
  14. ^ È Giacomo Lazzini il nuovo allenatore del Lucca F.C. Radiobrunotoscana.it, 08-08-2011.
  15. ^ F.C. Lucca, il tecnico Lazzini non sarà confermato Tuttomercatoweb.com, 16-04-2012.
  16. ^ Bentornata Lucchese: F.C. Lucca cambia nome Lanazione.it, 20-06-2012.
  17. ^ Lucchese, l'allenatore Bruni sbatte la porta e se ne va. Promosso al suo posto Duccio Innocenti Iltirreno.it, 15-08-2012.
  18. ^ Lucchese - Lucca United: c'è l'accordo: torna il marchio Libertas, loschermo.it. URL consultato il 25 giugno 2013.
  19. ^ Comunicato Ufficiale N. 51 del 15/03/2012 (PDF), http://www.unionepoliziana.net/, 15 marzo 2012. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  20. ^ Festa in città per i 110 anni della Lucchese, http://www.luccaindiretta.it/, 21 maggio 2015. URL consultato il 22 settembre 2015.
  21. ^ Maglia del centenario: l'Errea mette in cantiere la ristampa, http://archivio.gazzettalucchese.it/, 9 luglio 2009. URL consultato il 22 settembre 2015.
  22. ^ Torna la maglia del centenario: finalmente disponibile la ristampa della casacca ideata in occasione dei cento anni del sodalizio rossonero, http://archivio.gazzettalucchese.it/, 18 dicembre 2009. URL consultato il 22 settembre 2015.
  23. ^ a b c La Lucchese si veste di oro per i 110 anni: la collezione Legea 2015-2016, http://www.passionemaglie.it/, 10 settembre 2015. URL consultato il 22 settembre 2015.
  24. ^ Lucchese beffata nel recupero, http://www.asluccheselibertas.it/, 16 novembre 2014. URL consultato il 22 settembre 2015.
  25. ^ Lucchese: presentata la nuova mascotte ed altre novità, http://www.notiziariocalcio.com/, 1 dicembre 2012. URL consultato il 22 settembre 2015.
  26. ^ Organigramma società, asluccheselibertas.it. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  27. ^ Categorie - Piazzamenti - Sponsor, lucchese.100annidistoria.it. (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2013).
  28. ^ Maglie da gioco, si torna alla tradizione, http://archivio.gazzettalucchese.it/, 4 settembre 2008. URL consultato il 22 settembre 2015.
  29. ^ a b Il 6 luglio la Lucchese presenta lo sponsor ufficiale e quello tecnico: sono la Gesam e la Errea, http://archivio.gazzettalucchese.it/, 2 luglio 2012. URL consultato il 22 settembre 2015.
  30. ^ Lucchese, ecco le nuove maglie firmate Lotto. Gianni Nannini entra nella compagine sociale, http://www.dilucca.it/, 18 luglio 2012. URL consultato il 22 settembre 2015.
  31. ^ Lo sponsor sarà la Dac spa di Brescia, http://iltirreno.gelocal.it/, 3 settembre 2011 2012. URL consultato il 22 settembre 2015.
  32. ^ Il nuovo sponsor della Lucchese è Dì Lucca., http://www.loschermo.it/, 22 agosto 2014. URL consultato il 28 agosto 2014.
  33. ^ Lo sponsor arriva da Dubai: ecco la Enexd, http://www.gazzettalucchese.it/, 26 settembre 2014. URL consultato il 22 settembre 2015.
  34. ^ Lucchese, mascotte e giocatori distribuiscono dolci in Pediatria, http://www.luccacitta.net/, 7 gennaio 2015. URL consultato il 22 settembre 2015.
  35. ^ Gli Allenatori, su lucchese.100annidistoria.it. (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2010).
  36. ^ I Presidenti, su lucchese.100annidistoria.it. (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2010).
  37. ^ Lista aggiornata al 2005: Le presenze, lucchese.100annidistoria.it/. URL consultato il 21 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2007).
  38. ^ Lista aggiornata al 2005: I marcatori, lucchese.100annidistoria.it/. URL consultato il 21 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2007).
  39. ^ a b c d e f g h i j k Tifoserie toscane Archiviato il 21 settembre 2013 in Internet Archive.
  40. ^ Squadra, transfermarkt.it. URL consultato il 23 luglio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]