Louis Finson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Louis Finson (noto anche come Ludovicus Finsonius) (Bruges, 1580Amsterdam, 1617) è stato un pittore fiammingo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I quattro elementi - Collezione privata.

Si formò come pittore nella natia Bruges, per poi perfezionarsi in un viaggio in Italia che toccò prima Roma e poi Napoli. In quest'ultima località entrò in contatto con la pittura di Caravaggio e fu il primo pittore fiammingo ad esserne influenzato. Sue opere si conservano a L'Aquila, al Museo nazionale d'Abruzzo.

Ritornato ad Aix nel 1613, eseguì diversi ritratti, ora conservati nei musei di Aix, di Marsiglia ed in collezioni private; ricevette l'incarico di dipingere per la cattedrale l'Incredulità di san Tommaso e nel 1614 dipinse, inoltre, per la chiesa di Saint-Trophime ad Arles, il Martirio di santo Stefano e l'Adorazione dei Magi.

Alla realizzazione delle sue opere collaborò anche l'olandese Martin Faber, anche se questo fatto è oggetto di controversie.

Louis Finson si occupò anche del commercio di opere d'arte: in comproprietà col mercante di Amsterdam Abraham Vinck possedeva due Caravaggio: una Giuditta e Oloferne e la Madonna del Rosario ora conservata a Vienna.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ernst Gombrich - Dizionario della Pittura e dei Pittori - Einaudi Editore (1997)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN95841863 · SBN IT\ICCU\CFIV\288236 · LCCN (ENnr87001041 · ULAN (EN500025963