Le donne di Cesare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le donne di Cesare
Titolo originale Caesar's Women
Autore Colleen McCullough
1ª ed. originale 1996
Genere Romanzo
Sottogenere storico
Lingua originale inglese
Serie I Signori di Roma
Preceduto da I favoriti della fortuna (1993)
Seguito da Cesare, il genio e la passione (1998)

Le donne di Cesare (Caesar's Women) è un romanzo storico scritto da Colleen McCullough e pubblicato nel 1996.

È il quarto volume di una saga ambientata nell'Antica Roma, che racconta gli ultimi decenni della Repubblica romana, dall'avvento di Gaio Mario a quello di Augusto.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Roma - I secolo a.C.

Giulio Cesare ritorna a Roma dopo aver coperto brillantemente la carica di questore in Spagna. È intenzionato a coprire tutte le tappe del cursus honorum, per cui stringe amicizia con il ricchissimo ed ambizioso Crasso e con il potente Pompeo, che ebbro delle sue vittorie si è fatto soprannominare Magnus. Per riuscire nei suoi scopi, Cesare utilizzerà tutta la sua astuzia per ottenere la prestigiosa carica di Pontifex Maximus e legherà a sé Pompeo dandogli in sposa l'unica figlia, la bellissima e graziosa Giulia.

Frattanto Cesare intreccia con straordinaria disinvoltura relazioni amorose con le più celebri matrone romane, tra le quali la crudele Servilia, la capricciosa Pompea e l'elegante Calpurnia. Queste, come la madre Aurelia, la figlia e le tante donne che incontra nelle sue avventure, cercano di contendersi il suo cuore ed il suo affetto. Ma per Cesare l'amore è solo una delle tante pedine da usare sullo scacchiere del gioco politico. Chi vincerà avrà Roma...

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]