Le donne di Cesare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le donne di Cesare
Titolo originaleCaesar's Women
AutoreColleen McCullough
1ª ed. originale1996
GenereRomanzo
Sottogenerestorico
Lingua originale inglese
SerieI Signori di Roma
Preceduto daI favoriti della fortuna (1993)
Seguito daCesare, il genio e la passione (1998)

Le donne di Cesare (Caesar's Women) è un romanzo storico scritto da Colleen McCullough e pubblicato nel 1996.

È il quarto volume di una saga ambientata nell'Antica Roma, che racconta gli ultimi decenni della Repubblica romana, dall'avvento di Gaio Mario a quello di Augusto.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Roma - I secolo a.C.

Giulio Cesare ritorna a Roma dopo aver coperto brillantemente la carica di questore in Spagna. È intenzionato a coprire tutte le tappe del cursus honorum, per cui stringe amicizia con il ricchissimo ed ambizioso Crasso e con il potente Pompeo, che ebbro delle sue vittorie si è fatto soprannominare Magnus. Per riuscire nei suoi scopi, Cesare utilizzerà tutta la sua astuzia per ottenere la prestigiosa carica di Pontifex Maximus e legherà a sé Pompeo dandogli in sposa l'unica figlia, la bellissima e graziosa Giulia.

Frattanto Cesare intreccia con straordinaria disinvoltura relazioni amorose con le più celebri matrone romane, tra le quali la crudele Servilia, la capricciosa Pompea e l'elegante Calpurnia. Queste, come la madre Aurelia, la figlia e le tante donne che incontra nelle sue avventure, cercano di contendersi il suo cuore ed il suo affetto. Ma per Cesare l'amore è solo una delle tante pedine da usare sullo scacchiere del gioco politico. Chi vincerà avrà Roma...

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]