Le avventure di Huckleberry Finn (film 2012)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le avventure di Huckleberry Finn
Die Abenteuer des Huck Finn.png
Una scena del film
Titolo originale Die Abenteuer des Huck Finn
Lingua originale Tedesco
Paese di produzione Germania
Anno 2012
Durata 99 min
Rapporto 2.35 : 1
Genere avventura
Regia Hermine Huntgeburth
Soggetto Mark Twain
Sceneggiatura Sascha Arango
Produttore Boris Schönfelder
Casa di produzione Majestic Filmproduktion, Neue Schönhauser Filmproduktion, Filmaufbau Leipzig, MMC Independent, ARD Degeto Film, Westdeutscher Rundfunk (WDR), ARTE e Bayerischer Rundfunk (BR)
Fotografia Sebastian Edschmid
Montaggio Eva Schnare
Effetti speciali Michael Apling, Bernd Wildau e Adolf Wojtinek
Musiche Niki Reiser
Scenografia Susann Bieling
Costumi Sabine Böbbis
Trucco Gregor Eckstein, Mirela Ecobici, Noura Leder e Kerstin Stattmann
Interpreti e personaggi

Le avventure di Huckleberry Finn è un film del 2012 diretto da Hermine Huntgeburth e tratto dal romanzo omonimo di Mark Twain.

Si tratta del sequel del film Tom Sawyer del 2011.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver trovato un tesoro con il suo amico Tom Sawyer, Huckleberry Finn Finn è ora un ragazzo ricco, va a scuola e frequenta regolarmente la chiesa. Un giorno Jim, uno schiavo, vede sua moglie in un mercato di schiavi e si ribella. Per punizione viene venduto ad un circo, dal quale riesce però a fuggire.

Nel frattempo il padre di Huck, attratto dai soldi, ritorna in città e riesce ad ottenere la custodia del figlio strappandolo alle cure della vedova Douglas. Huck fugge ed insieme a Jim decide di raggiungere Cairo in Illinois e da qui cercare di raggiungere il punto di confluenza con l'Ohio, per poter così risalire negli Stati liberi dell'Unione, ove la schiavitù sta per esser abolita. I due sono però inseguiti dal padre di Huck e da tre cacciatori di schiavi senza scrupoli.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film si sono svolte dal 27 luglio all'ottobre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]