Lago del Chiotas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lago del Chiotas
Lago Chiotas1.jpg
Il lago del Chiotas
Stato Italia Italia
Regione Piemonte Piemonte
Provincia Cuneo Cuneo
Comune Entracque
Coordinate 44°10′01.68″N 7°19′54.89″E / 44.167134°N 7.331915°E44.167134; 7.331915
Altitudine 1 978 m s.l.m.
Dimensioni
Profondità massima 120 m
Volume 0,030 km³
Idrografia
Origine lago artificiale
Bacino idrografico 11,6 km²
Mappa di localizzazione: Italia
Lago del Chiotas
Lago del Chiotas

Il lago del Chiotas è un bacino artificiale nel territorio del comune di Entracque, in Valle Gesso, nella Provincia di Cuneo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Forra primitiva dove verrà costruita la diga del Chiotas

Il lago è stato creato tra gli anni settanta ed i primi ottanta costruendo due sbarramenti detti del Chiotas e di Colle Laura nella zona del vecchio Piano del Chiotas, sul versante orientale del Massiccio dell'Argentera.

L'opera ha richiesto diversi anni di lavoro a causa del forte innevamento invernale (le giornate effettive di lavoro furono di circa 150 all'anno) e alla complessità del collegamento con la Centrale "Luigi Einaudi" di Entracque (le condotte forzate sono totalmente nascoste nella roccia).

Il dislivello di oltre 1000 m con il sottostante lago della Piastra è utilizzato per la produzione di energia elettrica.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Durante la notte l'energia prodotta e non richiesta viene sfruttata per pompare parte dell'acqua dal serbatoio della Piastra al Chiotas, così da poterla riutilizzare quando c'è più necessità. La quantità di energia così prodotta da deflussi pompati è di gran lunga maggiore di quella prodotta dai classici deflussi naturali, motivo per cui l'impianto Chiotas-Piastra è definito di "pompaggio puro".

Sulla riva meridionale del lago sorge il nuovo Rifugio Genova-Figari, creato in sostituzione all'omonimo rimasto sommerso dopo la creazione del bacino.

Dati sugli sbarramenti[modifica | modifica wikitesto]

Diga del Chiotas[modifica | modifica wikitesto]

La diga del Chiotas
La Diga del Chiotas vista da valle
  • Tipologia: diga ad arco-gravità a doppia curvatura simmetrica in calcestruzzo
  • Inizio lavori: 1970
  • Fine lavori: 1978
  • Volume di calcestruzzo utilizzato: 363 000
  • Altezza complessiva sul punto piú depresso della fondazione: 130,00 m
  • Altezza sul punto di appoggio su pulvino: 100,00 m
  • Spessore alla base: 37,5 m
  • Spessore al coronamento: 5 m
  • Sviluppo del coronamento: 230 m
  • Livello di massimo invaso: 1978 m s.l.m.
  • Livello di massima piena: 1979 m s.l.m.
  • Capacità di invaso complessiva: 30 milioni di
  • Capacità di invaso utile: 27 milioni di m³

Diga di Colle Laura[modifica | modifica wikitesto]

La diga di Colle Laura
Diga di Colle Laura vista da Monte
  • Tipologia: diga a gravità massiccia, a profilo triangolare e a pianta rettilinea in calcestruzzo
  • Inizio lavori: 1970
  • Fine lavori: 1979
  • Altezza complessiva: 30,00 m
  • Volume di calcestruzzo utilizzato: 14 000 m³
  • Spessore alla base: 20 m
  • Spessore al coronamento: 5 m
  • Sviluppo del coronamento: 70 m
  • Livello di massimo invaso: 1978 m s.l.m.
  • Livello di massima piena: 1979 m s.l.m
  • Capacità di invaso complessiva: 30 milioni di
  • Capacità di invaso utile: 27 milioni di m³

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Diga del Chiotas vista da monte
Sviluppo diga del Chiotas da valle
Diga del Chiotas vista da sentiero verso rifugio Genova (ex strada Enel)
Diga del Chiotas vista da sponda sinistra
Diga del Chiotas vista da monte
Diga del Chiotas. Coronamento
Diga del Chiotas vista da sentiero che porta al rifugio Genova

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Libro: Diga del Chiotas- storia del cantiere nell'alto Gesso raccontata da chi ci ha lavorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]