Lago Ritsa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lago Ritsa
Stato
Coordinate 43°28′53″N 40°32′29″E / 43.481389°N 40.541389°E43.481389; 40.541389
Altitudine 884 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie 1,5 km²
Profondità massima 116 m
Sviluppo costiero 4,29 km

Lago Ritsa è un lago delle montagne del Caucaso, nella parte nord-occidentale dell'Abkhazia, circondato da boschi e prati subalpini. La località di Avadhara si trova a nord del lago. Il lago fu un'importante attrazione turistica durante il periodo sovietico ed è tuttora frequentato da turisti russi.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il lago Ritsa è il lago più profondo dell'Abkhazia (116 m) ed è ricco di trote. È alimentato da sei fiumi.

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Le acque del lago Ritsa sono fredde e chiare. Il lago è circondato da montagne che vanno dai 2.200 a 3.500 metri di altitudine. La regione intorno al lago Ritsa fa parte dell'ecoregione delle foreste di latifoglie del Mar Nero orientale e meridionale con una concentrazione abbastanza elevata di boschi di bosso sempreverdi. Molti esemplari di abete nordmanniana raggiungono altezze di oltre 70 metri e si trovano anche intorno al lago.

Nel 1930 fu istituito la Riserva Naturale di Ritsa (162.89 km2) per proteggere lo stato naturale del lago e del territorio circostante.

Residenti famosi[modifica | modifica wikitesto]

Il leader sovietico Joseph Stalin aveva una delle sue case estive (dacia) vicino al lago.[1] Anche Leonid Breznev aveva anche la sua casa estiva nelle vicinanze. Oggi la dacia appartiene al governo dell'Abkhazia.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

La temperatura media annuale nell'area è di 7,8 gradi Celsius (gennaio -1,1 °C, - agosto 17,8 °C). Le precipitazioni medie annuale vanno sui 2.000 - 2.200mm. Gli inverni sono talvolta nevosi e le estati calde.

Leggende e storie di Ritsa[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono molte leggende e fiabe sul lago.[2]

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente c'erano una valle e un fiume nel sito del lago moderno. Una ragazza di nome Ritsa viveva lì con tre fratelli Agepsta, Atsetuka e Pshegishkha . Ritsa pascolava i suoi animali nella valle e i suoi fratelli andavano di giorno a caccia nelle alte montagne e tornavano a valle la sera, dove mangiavano, cantavano canzoni e ammiravano la sorella.

Una volta i fratelli andarono troppo lontano nelle montagne. Ritsa sentì la loro mancanza e cantò. I ladri di foreste Gega e Iupshara sentendola decisero di rapirla. Lupshara la prese e cavalcò lungo la valle, mentre Gega le copriva il fianco. I fratelli di Ritsa la sentirono piangere e andarono in soccorso.

Pshegishkha lanciò una spada contro i ladri, che li mancò finendo sul fiume. La valle fu riempita d'acqua e trasformata in un lago. Ritsa si staccò dalla morsa di Iupshara, ma cadde nel lago. I fratelli non poterono salvarla. Quindi Pshegishkha gettò il ladro Iupshara nel lago e l'acqua di Ritsa lo trascinò gettandolo sulla spada di Pshegishkha e che lo trascinò via sul mare. Gega inseguì Iupshara, ma non riuscì a salvarlo.

Per il dolore, i fratelli si trasformarono in montagne, e oggi sono ancora in piedi qui per proteggere il luogo del riposo di Ritsa.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315150038 · LCCN (ENsh96005184 · J9U (ENHE987007551642305171