La vergine dei ghiacci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La vergine dei ghiacci
Titolo originale Lisjomfruen
Autore Hans Christian Andersen
1ª ed. originale 1861
Genere fiaba
Lingua originale danese

La vergine dei ghiacci è una fiaba dello scrittore e poeta danese Hans Christian Andersen, composta nel 1861 - verso la fine della carriera dell'autore - e pubblicata per la prima volta in lingua inglese due anni dopo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Viene narrata la vita di Rudy, un ragazzo che, avendo perduto entrambi i genitori, deve andare ad abitare insieme ad uno zio. La madre del giovane è rimasta uccisa cadendo in un crepaccio mentre stava tenendo in braccio Rudy, che poi è stato salvato attraverso un bacio della fanciulla dei ghiacci.

Lungo tutto il corso dell'esistenza del bel Rudy, la giovane vergine dei ghiacci rimane incrollabile e fermamente protesa nei suoi tentativi di conquistarlo. Divenuto adulto, Rudy incontra e s'innamora di una ragazza di nome Babette e stanno quasi per sposarsi quando la fanciulla di ghiaccio riesce finalmente a vincere il suo cuore.

Rudy annega la notte prima del matrimonio; può così esser fatto re e consorte della vergine dei ghiacci.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura