La favorita (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La favorita
TheFavouriteMovie.png
Olivia Colman e Emma Stone in una scena del film
Titolo originaleThe Favourite
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneIrlanda, Regno Unito, Stati Uniti d'America
Anno2018
Durata120 min
Rapporto1,85 : 1
Generestorico, biografico, commedia, drammatico, grottesco
RegiaYorgos Lanthimos
SceneggiaturaDeborah Davis, Tony McNamara
ProduttoreCeci Dempsey, Ed Guiney, Lee Magiday, Yorgos Lanthimos
Produttore esecutivoDaniel Battsek, Deborah Davis, Rose Garnett, Ken Kao, Andrew Lowe, Josh Rosenbaum
Casa di produzioneElement Pictures, Scarlet Films, Film4, Waypoint Entertainment
Distribuzione in italiano20th Century Fox
FotografiaRobbie Ryan
MontaggioYorgos Mavropsaridis
ScenografiaFiona Crombie
CostumiSandy Powell
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La favorita (The Favourite) è un film del 2018 diretto da Yorgos Lanthimos.

Il film ha come protagoniste Olivia Colman, Emma Stone e Rachel Weisz. Il film ha ricevuto 10 candidature agli Oscar[1], 12 candidature ai Premi BAFTA[2] e 5 candidature ai Golden Globe[3]. Olivia Colman è stata premiata con il premio Oscar, il Golden Globe e la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1708, mentre la Gran Bretagna è in guerra con la Francia, siede sul trono la regina Anna; la donna, non più giovanissima e dalla salute cagionevole, da tempo trascura il suo regno: mentre i membri della corte si danno al gozzoviglio, lei preferisce allevare i suoi 17 conigli, ognuno dei quali rappresenta un figlio che lei ha perso nel corso degli anni. Ad amministrare il potere è in effetti Sarah Churchill, detta Lady Marlborough, sua Keeper of the Privy Purse e fidata consigliera, la quale approfitta della sua posizione per favorire il Primo Ministro whig Sidney Godolphin e il marito, militare impegnato nella guerra. Sarah ha come nemico Robert Harley, un tory proprietario terriero che vorrebbe la fine della guerra per evitare il raddoppio delle tasse.

Un giorno a corte arriva Abigail Hill, cugina di Sarah caduta in disgrazia dopo che suo padre l'ha utilizzata come pagamento dei suoi debiti di gioco. La ragazza, determinata a riacquisire una posizione sociale alta, viene messa a lavorare come sguattera; tuttavia ben presto inizia a farsi notare dalla Regina: un giorno le somministra di nascosto un cataplasma che lenisce la gotta pur non facendola guarire del tutto. Inizialmente furiosa per l'ambizione di sua cugina, Sarah inizia ad ammirarne discretamente il carattere, e la promuove a sua cameriera personale. Abigail presto viene avvicinata da Harley, che le propone di diventare sua spia. La ragazza dapprima rifiuta; successivamente scopre che Sarah e la Regina sono in realtà amanti e inizia a macchinare un piano che la porterà a ottenere la posizione di sua cugina.

Approfittando del fatto che Sarah trascura Anna per dedicarsi agli affari del Regno, Abigail instaura con la Regina una relazione che in breve la porta a diventare Lady of the Bedchamber; ben presto le due iniziano a intrattenere una relazione sessuale, mentre Harley approfitta delle informazioni della ragazza per prendere potere. Quando Sarah scopre i piani della cugina, inizia a pianificare il modo per mandarla via; tra le due donne inizia una battaglia per conquistare il favore della Regina, la quale, compiacendosi del sentirsi desiderata, alimenta i dissidi tra le due. Il culmine avviene quando Abigail avvelena il di Sarah e fa in modo che la donna cada da cavallo e venga trascinata via nel bosco. Poiché Sarah sparisce per diversi giorni, Anna pensa si sia nascosta per ingelosirla, così per ripicca promuove Abigail a sua favorita e la dà in sposa al barone Samuel Masham, cosa che rende la ragazza di nuovo nobile. Consigliata da lei, Anna deporrà Sidney Godolphin dalla carica di Primo Ministro per cedere la carica a Harley.

Sarah si risveglia in un bordello, ferita e ammalata; quando torna a corte, scopre che la situazione è profondamente cambiata sia nel Parlamento che nel cuore della Regina, così dà un ultimatum ad Anna: se non caccerà Abigail e Harley, consegnerà le lettere d'amore che si sono scambiate nel corso degli anni alla stampa, cosa che causerà un terribile scandalo. Questa minaccia non ha seguito, poiché è la stessa Sarah a bruciare le lettere poco dopo; tuttavia la Regina, delusa da quel gesto, la fa cacciare e Abigail prende il suo posto come Keeper of the Privy Purse.

Intuendo che Sarah resti comunque una minaccia per la sua condizione sociale, Abigail presenta alla Regina le prove che lei e il marito le hanno sottratto del denaro, ed intercetta e brucia la lettera con cui Sarah intende riconciliarsi con Anna; Sarah e lord Marlborough vengono perciò banditi dal Regno. Questo, tuttavia, incrina anche la relazione tra Anna e Abigail, la quale, ormai di nuovo nobile, si dà a una vita lussuriosa, del tutto diversa da quella rigorosa e castigata di Sarah, occupandosi inoltre del Regno in maniera superficiale e incompetente. Un giorno Anna intravede per un attimo Abigail maltrattare per gioco uno dei suoi conigli: ormai consapevole della vera natura della ragazza, le si rivolge con tono imperioso ordinandole di massaggiarle la gamba malata come faceva quando era sua serva; mentre la ragazza esegue, la Regina la umilia afferrando i suoi capelli, lasciando intendere che, pur nobile, per lei rimarrà sempre una prostituta.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Long gallery, Hatfield House

La maggior parte delle scene sono state girate a Hatfield House.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer è stato diffuso il 9 luglio 2018.[4]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in concorso alla 75ª edizione della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia il 30 agosto 2018.[5] È stato distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi il 23 novembre 2018.[6] In Italia è uscito nelle sale il 24 gennaio 2019.[7]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Brooks Barnes, Oscar Nominations 2019: ‘Roma,’ ‘The Favourite’ and ‘Black Panther’ Break Ground, in The New York Times, 22 gennaio 2019. URL consultato il 25 gennaio 2019.
  2. ^ La Favorita domina ai Bafta, nomination per Dogman - Cinema, su ANSA.it, 9 gennaio 2019. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  3. ^ (EN) British stars enjoy Golden Globes glory, 7 gennaio 2019. URL consultato il 25 gennaio 2019.
  4. ^ The Favourite: primo trailer del film di Yorgos Lanthimos con Emma Stone e Rachel Weisz, comingsoon.it. URL consultato il 9 luglio 2018 2018.
  5. ^ a b Andrea Francesco Berni, Venezia 75: da Suspiria a Roma, ecco tutti i film che saranno al Festival!, badtaste.it, 25 luglio 2018. URL consultato il 25 luglio 2018.
  6. ^ (EN) YORGOS LANTHIMOS‘ ‘THE FAVOURITE,’ STARRING EMMA STONE, ANNOUNCES FALL 2018 RELEASE, screencrush.com. URL consultato il 9 luglio 2018 2018.
  7. ^ La Favorita | 20th Century Fox IT, su 20th Century Fox Italy. URL consultato l'8 settembre 2018.
  8. ^ Karin Ebnet, Golden Globe 2019, tutte le nomination, Best Movie, 6 dicembre 2018. URL consultato il 7 dicembre 2018.
  9. ^ (EN) ‘First Reformed’ And ‘The Favourite’ Top Gotham Awards Nominations, su deadline.com, 18 ottobre 2018. URL consultato il 18 ottobre 2018.
  10. ^ (EN) ‘The Favourite’ Leads the Field in the British Independent Film Award Nominations, variety.com. URL consultato l'11 novembre 2018.
  11. ^ (EN) AFI Awards 2018 Movies: ‘Black Panther’, ‘A Star Is Born’ & More; ‘Roma’ Scores Special Honor, deadline.com. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  12. ^ (EN) 2018 NOMINEES, pressacademy.com. URL consultato il 2 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2018).
  13. ^ La lista delle nomination per i BAFTA, i premi britannici per il cinema, in Il Post, 9 gennaio 2019. URL consultato il 9 gennaio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema