La connessione di tutte le cose

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La connessione di tutte le cose
Titolo originaleThe little book
AutoreSelden Edwards
1ª ed. originale2008
Genereromanzo
Sottogenerefantascienza, storia
Lingua originaleinglese
Ambientazione1897, Vienna
1945, Europa
1988, San Francisco

La connessione di tutte le cose (The little book) è un romanzo pubblicato nel 2008 dallo scrittore e docente statunitense Selden Edwards.

Genesi[modifica | modifica wikitesto]

L'autore iniziò a scrivere il romanzo nel 1974, all'inizio della sua carriera di docente. Vi lavorò a lungo, per oltre un trentennio, rileggendo e integrando quanto aveva scritto in precedenza. Lo propose alcune volte per la sua pubblicazione ma fu solo nel 2008 che venne dato alle stampe dall'editore Dutton ottenendo un grande successo editoriale e venendo in seguito tradotto in diversi Paesi del mondo.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un'ex stella americana del rock dagli anni settanta, nel 1988, da San Francisco si ritrova misteriosamente a Vienna nel 1897. Qui iniziano incontri con personalità storiche della Vienna di fine secolo e anche con membri della sua famiglia appartenenti a generazioni diverse in un continuo intrecciarsi di epoche storiche diverse tra loro e in viaggi avanti e indietro nel tempo.[1]

Le vicende ambientate nella Vienna imperiale alla fine del XIX secolo portano i protagonisti ad incontrare Sigmund Freud, Gustav Mahler, vari esponenti della Secessione viennese e persino l'imperatrice Elisabetta di Baviera e il giovanissimo Adolf Hitler.[2]

Edizione originale[modifica | modifica wikitesto]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

  • Selden Edwards, La connessione di tutte le cose, traduzione di Isabella Zani e Simona Fefé, Vicenza, Neri Pozza, 2009, ISBN 9788854503441, OCLC 800526663.

Edizioni in altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b connessione, terza di copertina.
  2. ^ UNA ROCKSTAR NELLA VIENNA DI FREUD, su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 5 novembre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]