La confessione (Lev Tolstoj)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La confessione
Titolo originale Исповедь
Altro titolo Confessione
Autore Lev Tolstoj
1ª ed. originale 1882
Genere trattato
Sottogenere autobiografico
Lingua originale russo

La confessione o più semplicemente Confessione (in russo: Исповедь?, traslitterato: Ispoved') è un trattato autobiografico di Lev Tolstoj di contenuto religioso.

Distribuita per la prima volta in Russia nel 1882, l'opera venne subito sequestrata per il suo contenuto ritenuto blasfemo[1]. Venne pertanto pubblicata per la prima volta a stampa a Ginevra nel 1884[2].

Nella Confessione Tolstoj respinge il misticismo, negando il valore dei sacramenti («Il maggior nemico del vero cristianesimo è la chiesa organizzata»)[3] e dell'ortodossia cristiana («Sono stato battezzato e educato nella fede cristiana ortodossa. Me la insegnarono fino dall'infanzia e durante tutto il periodo della adolescenza e della prima giovinezza. Ma quando, a diciotto anni, abbandonai l'università al secondo corso, io non credevo ormai più a nulla di quello che mi avevano insegnato.[4]»)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maria Bianca Luporini (a cura di), Tolstoj - Tutti i romanzi, Firenze, Sansoni Editore, 1967, pag. XLVI.
  2. ^ Confessione, occupazionifarsesche.it. URL consultato il 16 novembre 2010.
  3. ^ Maria Bianca Luporini (a cura di), op. cit., pag. XLV.
  4. ^ Incipit de La confessione.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]