La Foule

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Foule
Artista Édith Piaf
Autore/i Angel Cabral, Michel Rivgauche
Genere Chanson
Data 1957

La Foule è una canzone scritta da Angel Cabral, composta da Michel Rivgauchee e interpretata da Édith Piaf nel 1957.

Origine del brano[modifica | modifica wikitesto]

Il brano è una cover in francese di Que nadie sepa mi sufrir, (valzer peruviano ?????) scritto da Enrique Dizeo (argentino) e composto da Ángel Cabral (argentino) nel 1936. La versione del 1953 interpretata da Alberto Castillo fu ascoltata e apprezzata da Édith Piaf durante il suo tour dello stesso anno in America Latina. Da qui l'idea da parte della cantante di farne una versione francese. Scritta da Angel Cabral e composta da Michel Rivgauchee, la versione francese del valzer porta il titolo di La foule e viene interpretata da Édith Piaf nel 1957.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

La canzone è composta da due strofe e un ritornello ripetuto alla fine di ciascuna di esse con alcune variazioni nel testo. Nella prima strofa la protagonista si ricorda di una città in festa, con la gente in preda al delirio di balli, danze e canti sotto un sole cocente; mentre cerca di farsi strada tra la folla, la donna si ferma e un uomo indietreggia, e la folla lo spinge tra le sue braccia. I due vivono un attimo di estasi, nel quale entrambi gioiscono del contatto reciproco; ma la stessa folla che li ha uniti, nella seconda strofa li separa trascinando via l'uomo. In mezzo a tutta la confusione, lei piange, grida e batte i pugni per riavere indietro l'uomo che la folla le aveva donato, ma i suoi lamenti vengono soffocati dal vociare. Lei non troverà mai più quell'uomo.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Una versione house della versione francese è stata cantata da Cassita nel 1998.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica