L'estate (Camus)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'estate
Titolo originale L'Été
Autore Albert Camus
1ª ed. originale 1954
1ª ed. italiana 1959
Genere Saggi
Lingua originale francese

L'estate (in originale L'Été) è una raccolta di saggi di Albert Camus, pubblicata per la prima volta nel 1954 presso Gallimard. In italiano il volume è uscito per Bompiani nella traduzione di Sergio Morando, prima nella raccolta Saggi letterari del 1959[1].

La raccolta include:

  • Il Minotauro o La sosta di Orano (Le Minotaure ou La Halte d'Oran, 1939)
  • I mandorli (1940)
  • Prometeo agli'inferi (Prométhée aux Enfers, 1946)
  • Piccola guida per le città senza passato (Petit guide pour des villes sans passé, 1947)
  • L'esilio di Elena (L'Exil d'Hélène, 1948)
  • L'enigma (L'Énigme, 1950)
  • Ritorno a Tipasa (Retour à Tipasa, 1953)
  • Il mare da più vicino (La mer au plus près, 1953)

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Albert Camus, Saggi letterari, traduzione di Sergio Morando, Bompiani, 1959, ISBN 88-452-2531-3.
  • Albert Camus, Opere, traduzione di Sergio Morando, Utet, 1960.
  • Albert Camus, Opere, vol. 2, trad. di Sergio Morando, Bompiani, 1969.
  • Albert Camus, L'estate e altri saggi solari, a cura di Caterina Pastura e Silvio Perrella, Bompiani, 1969.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comprende anche Il rovescio e il diritto e Nozze.
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura