John Hamilton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo ufficiale della marina britannica, vedi John Hamilton (1714-1755).
Una foto segnaletica di John Hamilton, scattatagli nel carcere di Michigan City, Indiana

John Hamilton, soprannominato Red (Sault Sainte Marie, 1899Aurora, 26 aprile 1934), è stato un criminale canadese, di origini irlandesi e tedesche, noto principalmente per essere stato uno dei membri principali della banda di John Dillinger durante la Grande depressione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

John "Red" Hamilton nacque a Sault Saint Marie in Ontario (Canada) nel 1899 padre padre irlandese e madre statunitense di origine tedesca. Oltre che "Red", Hamilton venne soprannominato "Three-Finger Jack" in quanto perse due dita della mano destra quando era bambino.[1]

Il 26 marzo 1927, venne incarcerato dopo aver rapinato una stazione di servizio negli Stati Uniti nella Contea di St. Joseph in Indiana; la condanna per lui fu di 25 anni, che avrebbe dovuto scontare nella prigione di massima sicurezza che si trovava a Michigan City in Indiana. In prigione conobbe John Dillinger oltre che molti membri della sua gang come Pete Pierpont, Walter Dietrich, Homer Van Meter, Charles Makley e Russell Clark.

Nel maggio del 1933 Dillinger venne rilasciato sulla parola; non molto tempo dopo (precisamente il 26 settembre 1933) lo stesso Dillinger fece evadere Hamilton e tutti i suoi scagnozzi di prigione, introducendo illegalmente le armi nel carcere.[2]

Lui nelle rapine di Dillinger svolgeva principalmente il ruolo dell'autista, aspettando i suoi compagni in macchina.

Il 22 aprile 1934, si nascose insieme a Dillinger, Baby Face Nelson, Tommy Carroll, Homer Van Meter ed Ed Shouse a Little Bohemia, luogo situato a Manitowish Waters in Wisconsin; tuttavia la polizia ebbe una soffiata e scoprì che i 6 rapinatori erano rintanati lì; allora l'agente dell'FBI Melvin Purvis decise di intervenire tendendo così un'imboscata ai criminali per catturarli. Le cose però si complicarono in quanto a un certo punto uscì dal locale una macchina con a bordo tre persone innocenti (Eugene Boisneau, John Hoffman e John Morris) e Purvis e i suoi uomini vi spararono. Hoffman e Morris, nonostante le ferite, riuscirono a sopravvivere, mentre Boisneau morì.

A tal punto Red e gli altri 5 criminali iniziarono una sparatoria contro la polizia in cui furono i malviventi ad avere la meglio: nessuno di loro morì, mentre la polizia perse alcuni agenti tra cui Carter Baum, uno dei migliori agenti del Bureau che venne ucciso da Baby Face Nelson.

Hamilton invece scappò con Dillinger, Van Meter e Carroll (dopo essere saltato fuori dalla finestra con loro) rubando un'auto e si rifugiò con loro a Hastings nel Minnesota.

Tuttavia la polizia federale non si diede per vinta: il giorno successivo (ovvero il 23 aprile 1934) ci fu un altro scontro a fuoco proprio a Hastings tra le forze dell'ordine e i malviventi, in cui fu proprio Red ad avere la peggio: Hamilton venne ferito mortalmente, e allora i 4, dopo essere fuggiti si recarono dal dottore Joseph P. Moran a Chicago che si rifiutò di curare Hamilton.[3] Il dottore pagò questa decisione con la vita perché circa 3 mesi dopo venne ucciso dalla banda Karpis-Barker.

A seguito di ciò, Red venne portato proprio ad Aurora in un nascondiglio della banda Karpis-Barker dove morì e venne sepolto; oltretutto Dillinger coprì la faccia e le mani del fuorilegge canadese con della liscivia per evitare ogni tipo di riconoscimento.[4] Alla fine ciò che fece Dillinger fu vano in quanto la tomba di Hamilton venne scoperta il 28 agosto 1935 dalla polizia che identificò il corpo di Hamilton grazie proprio al riconoscimento dentale.[4]

Controversie su una possibile sopravvivenza[modifica | modifica wikitesto]

Una foto segnaletica di Hamilton

Prima del riconoscimento dentale che tolse molti dubbi sulla morte di Red, vi furono dei dubbi sulla sua morte: secondo alcune persone lui era ancora vivo, tanto che suo nipote sostiene di aver visitato John in Ontario negli anni '40.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

John Hamilton è stato rappresentato più volte al cinema e da molti attori:

Jason Clarke rappresentò Hamilton con una differenza fisica rispetto alla realtà: Clarke nel film aveva tutte e 5 le dita della mano destra, mentre Hamilton ne aveva 3.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Crimes Of Three-Finger Jack | People Magazine, su www.peoplemagazine.co.za. URL consultato il 12 novembre 2017.
  2. ^ (EN) 1933 prison break provided impetus for enticing news stories, in nwitimes.com. URL consultato il 12 novembre 2017.
  3. ^ THE MYSTERY OF JOHN HAMILTON, su troytaylorbooks.blogspot.it. URL consultato il 12 novembre 2017.
  4. ^ a b Jack “Red” Hamilton (1899-1934) - Find A Grave..., su www.findagrave.com. URL consultato il 12 novembre 2017.
  5. ^ Mo-Net s.r.l. Milano-Firenze, Jason Clarke | MYmovies, su www.mymovies.it. URL consultato il 12 novembre 2017.