Gian Paolo Timoleone di Cossé-Brissac

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gian Paolo Timoleone di Cossé-Brissac
Anonymous engraving of Jean Paul Timoléon de Cossé, Duke of Brissac.jpg
Duca di Brissac
Gran panettiere del re e Marchese di Thouarcé
Stemma
In carica 1732 –
1756
Predecessore Carlo Timoleone Luigi di Cossé-Brissac
Successore Luigi Ercole Timoleone di Cossé-Brissac
Nome completo Jean Paul Timoléon de Cossé-Brissac
Altri titoli Maresciallo di Francia, Governatore di Parigi e Cavaliere dell'Ordine dello Spirito Santo
Nascita Parigi, 12 ottobre 1698
Morte Parigi, 17 dicembre 1780
Sepoltura 22 dicembre 1780
Luogo di sepoltura Chiesa di Brissac-Quincé
Padre Artus Timoleone Luigi di Cossé-Brissac
Madre Maria Luisa Béchameil di Nointel
Consorte Maria Giuseppa Durey de Sauroy
Figli Luigi Giuseppe
Luigi Ercole Timoleone
Pietro Emanuele Giuseppe Timoleone
Religione Cattolica
Gian Paolo Timoleone di Cossé-Brissac
12/10/1698 – 22/12/1780
Nato aParigi
Morto aParigi
Luogo di sepolturaChiesa di Brissac-Quincé
voci di militari presenti su Wikipedia

Gian Paolo Timoleone di Cossé Brissac, duca di Brissac e marchese di Thouarcé (Parigi, 12 ottobre 1698Parigi, 17 dicembre 1780), è stato un militare francese, maresciallo di Francia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo figlio maschio e terzo dei figli d'Artus-Timoléon, conte poi duca de Brissac, e di Marie Louise Béchameil de Nointel, succedette al fratello maggiore, Charles (1693-1732), morto senza un erede maschio.

Inizialmente fu cavaliere di Malta e guardia della Marina nel 1713, fece servizio sulle galere maltesi nel 1714 e si trovò a combattere in diverse azioni contro i turchi; nel 1716, combatté a Corfù, difesa dal maresciallo di Schulembourg, che costrinse i turchi alla fuga. Il cavaliere de Brissac lasciò il servizio della Marina e rientrò in Francia nel 1717.

In veste di maestro di campo di un reggimento che portava il suo nome, Brissac fece servizio distinguendosi a tal punto che il suo valore e il suo zelo furono premiati con il bastone di maresciallo di Francia. Il suo coraggio, la sua educazione e soprattutto il suo modo di parlare denotavano la lealtà e la franchezza di un bravo cavaliere e il modello degli antichi guerrieri francesi. In un'occasione, quand'era già piuttosto vecchio, fece un'affermazione galante alla Delfina di Francia, la futura regina Maria Antonietta: l'8 giugno 1773, Maria Antonietta fece la sua prima apparizione ufficiale a Parigi alle Tuileries e quando si affacciò al balcone la folla iniziò a urlare dalla gioia e la Delfina rispose con un sorriso seducente, allora il duca de Brissac le fece il baciamano e le disse: «Madame, senza pregiudizio per Monsieur le Dauphin, qui voi avete duecentomila amanti».[1] Il duca de Brissac morì nel 1784, all'età avanzata di ottantasei anni, prima di vedere gli sconvolgimenti della Rivoluzione francese.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Brissac nel 1732 sposò Marie Josèphe Durey de Sauroy († 1756), dalla quale ebbe tre figli:

  • Louis-Joseph (1733-1759), senza discendenza.
  • Louis-Hercule (1734-1792), nono duca de Brissac, senza discendenza maschile.
  • Pierre Emmanuel Joseph Timoléon (1741-1756), marchese de Thouarcé, senza discendenza.

Il titolo passò agli eredi di René-Hugues (1702-1754), terzo figlio maschio di Artus-Timoléon.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Erickson, p. 180

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Duca di Brissac Successore Blason Maison de Cossé-Brissac.svg
Carlo Timoleone Luigi di Cossé 1732-1756 Luigi Ercole Timoleone di Cossé-Brissac
Controllo di autoritàVIAF: (EN296440622 · GND: (DE1032032456