Jacopo Cini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jacopo Cini
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Termoli.
 
Nato1300, Colle Val d'Elsa
Deceduto1381, Termoli
 

Jacopo Cini (Colle Val d'Elsa, 1300Termoli, 1381) è stato un vescovo cattolico e teologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nobile di nascita, originario di Colle Val d'Elsa, anche detto da Sant'Andrea di Colle[1][2], Jacopo Cini appartenne all'Ordine dei Frati Predicatori della Basilica di San Domenico di Siena. Fu un predicatore conosciuto e stimato. Priore in diversi conventi dell'area romana, nel 1346 diventò definitore generale dell'Ordine dei domenicani, passò poi al convento di Santa Maria Novella di Firenze dove diventò direttore generale degli Studi dell'Ordine. Venne nominato nel 1379 da papa Urbano VI vescovo di Termoli nel regno di Napoli. Morì nel 1381 a Termoli ancora vescovo in carica, e fu sostituito dal senese Domenico del Giarda (o Girada), professore di teologia e appartenente all'Ordine dei Servi di Maria. Jacopo Cini fu autore di un importante commentario sul Liber Sententiarum (Libro delle Sentenze), scritto fra il 1150 e il 1152, dal teologo Pietro Lombardo[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. Cappelletti, Le chiese d'Italia della loro origine sino ai nostri giorni, Venezia 1864, Volume XIX, p. 353
  2. ^ Probabilmente dal nome della località a pochi chilometri da Colle di Val d'Elsa di nome Sant'Andrea.
  3. ^ C. G. Herbermann, The Catholic Encyclopedia: An International Work of Reference on the Constitution, Doctrine, Discipline, and History of the Catholic Church, New York 1913, V. 14, p. 518

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • U. Cagliaritano, Mamma Siena: Dizionario biografico-aneddotico dei senesi, Siena 1971
  • G. Cappelletti, Le chiese d'Italia della loro origine sino ai nostri giorni, Venezia 1864, vol. XIX
  • L. Cheluzzi, G. M. Galganetti, Serie cronologica degli uomini di merito più distinto della città di Colle di Val d'Elsa. Colle Val d'Elsa 1841