Jacob Weiseborn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Jacob Weiseborn (Francoforte sul Meno, 22 marzo 1892Flossenbürg, 20 gennaio 1939) è stato un ufficiale tedesco, Obersturmbannführer delle SS, e comandante del campo di concentramento di Flossenbürg.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jacob Weiseborn iniziò il servizio militare a 18 anni come soldato della Marina. Nel 1932, si è iscritto al NSDAP (tess. 753 119) e successivamente alle SS (tess. 17 063). Dopo la presa al potere da parte dei nazisti nel 1933, Weiseborn è partito nel gennaio 1935, per il campo di concentramento di Dachau e, alla fine del 1935, è stato trasferito ad Esterwegen. Nell'aprile del 1936, Weiseborn è tornato a Dachau in qualità di vicecomandante. Dalla fine del 1936 fino a luglio 1937, ha ricoperto il ruolo di vicecomandante nel campo di concentramento di Sachsenhausen. Nel 1938, è diventato il vicecomandante del campo di concentramento di Buchenwald. Nel campo di concentramento di Buchenwald è stato ricordato dalle SS di guarnigione con la seguente frase: "Dio ha fatto con rabbia il Weiseborn capitano".

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Weiseborn, un alcolista cronico, una volta promosso Obersturmbannführer, è stato nominato all'inizio di maggio 1938 comandante del campo di concentramento di Flössenburg e tale rimase fino al gennaio 1939. Il 20 gennaio 1939, si è suicidato nel campo di concentramento da lui diretto, in quanto indagato per corruzione e furto effettuati durante la sua permanenza a Buchenwald.

Note[modifica | modifica wikitesto]

La letteratura anche trovare punti nella grafia di Jacob Weiseborn, per esempio in Abramo e nobiltà Hershel, Storia della Shoah: A Handbook e Dizionario. Westview 1994 ISBN 0-813-31411-9. ↑ secondo Tom Segev: I soldati del male. Sulla storia del comandante del campo, Reinbek 1992, p. 86 ↑ terzo da Kirsten Holm, Wulf Kirsten: Voci dal Buchenwald. Un libro di lettura., Göttingen 2002, pag, 17 ↑ quarto Stanislav Zamecnik: È stato Dachau, Penguin Books, Frankfurt am Main 2007, p. 85. 5 ↑ Citato in Eugen Kogon: Il SS-stato. Monaco di Baviera 1974, p. 57 6 ↑ Ernst Klee: L'enciclopedia delle persone del Terzo Reich, Frankfurt am Main 2007, pp 664

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tom Segev: I soldati del male. Sulla storia del comandante del campo . Libri Universe, New Amburgo nel 1995, ISBN 3-499-18826-0.
  • Ernst Klee: L'enciclopedia delle persone del Terzo Reich : Chi era che prima e dopo il 1945. Fischer Taschenbuch Verlag, Frankfurt am Main 2005 ISBN 3-596-16048-0.
  • Kirsten Holm, Wulf Kirsten: Voci da Buchenwald. Un libro di lettura . Wallenstein Verlag, Göttingen 2002, ISBN 3-89244-574-5.