Intejocerida

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Intejocerida
Stato di conservazione: Fossile
Immagine di Intejocerida mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Protostomia
(clade) Lophotrochozoa
Phylum Mollusca
Subphylum Conchifera
Classe Cephalopoda
Sottoclasse Nautiloidea
Ordine Intejocerida
Balashov, 1960

Gli Intejocerida Balashov, 1960 sono un ordine di molluschi cefalopodi estinti, appartenenti alla sottoclasse Nautiloidea, conosciuti dall'Ordoviciano inferiore all'Ordoviciano medio, ritrovati nei sedimenti del fiume Angara in Russia.

Nel Treatise on Invertebrate Paleontology[1] sono definiti come ordine e combinati negli Endoceratoidea assieme agli Endocerida.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La conchiglia è ortocona-longicona (eccezionalmente cirtocona), cioè prevalentemente lineare, con sezione circolare o debolmente compressa, con camere corte e suture dritte.
Il sifone è tipicamente molto ampio, da marginale a sub-centrale, con colletti settali da acoanitici a olocoanitici, e depositi endosifonali actinosifonati.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Relazioni tassonomiche[modifica | modifica wikitesto]

Flower nel 1976[2] ha fatto notare che gli Intejocerida non solo contengono due gruppi, uno comprendente gli Intejoceras e i Bajkaloceras a sifone centrale, l'altro con Envencoceras, Padunoceras e un terzo genere dei Rossoceras, ma che combinandoli con gli Endocerida negli Endoceratoidea, questo rende gli ultimi polifiletici e pertanto rende invalido il taxon.

Derivazione[modifica | modifica wikitesto]

Intejoceras eBajkaloceras possono ragionevolmente essere fatti derivare dai Baltoceratidae, o meno probabilmente dai Troedssonellidae. Evencoceras, Rossoceras e Padunoceras hanno la loro probabile origine dai Proterocameroceratidae.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Techert, C., Endoceratoidea, in Treatise on Invertebrate Paleontology, Park K. Teichert & Moore (eds). Geological Society of America and Univ Kansas Press, 1964.
  2. ^ Flower, R.H. 1976. Some Whiterock and Chazy Endoceroids. Part II, Mem.28; New Mexico Bureau of Mines and Mineral Resources, 1976.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Allasinaz, A. (1982). Dispense di paleontologia sistematica. Invertebrati. CLU.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]