Indipendenza affine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In geometria, l'indipendenza affine è una relazione fra punti di uno spazio affine simile all'indipendenza lineare.

Definizione[modifica | modifica wikitesto]

Siano dei punti in uno spazio affine di dimensione . Questi sono affinemente indipendenti se il più piccolo sottospazio affine che li contiene ha dimensione .

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Due punti sono affinemente indipendenti se e solo se sono distinti.

Tre punti sono affinemente indipendenti se e solo se non sono contenuti in una retta affine, cioè se non sono collineari.

Quattro punti (ad esempio nello spazio tridimensionale) sono affinemente indipendenti se e solo se non sono contenuti in un piano affine.

Simplesso[modifica | modifica wikitesto]

Punti affinemente indipendenti in uno spazio affine reale sono i vertici di un simplesso, definito in modo equivalente come:

  • l'inviluppo convesso dei punti ;
  • l'insieme dei punti aventi coordinate affini con .

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

Sottoinsiemi[modifica | modifica wikitesto]

Qualsiasi sottoinsieme di un insieme di punti affinemente indipendenti è anch'esso un insieme di punti affinemente indipendenti. Ad esempio, se quattro punti non stanno in un piano affine, tre qualsiasi di questi non sono collineari.

Relazione con l'indipendenza lineare[modifica | modifica wikitesto]

I punti di uno spazio affine sono affinemente indipendenti se e solo se i vettori

sono linearmente indipendenti. Questi vettori generano la giacitura del sottospazio affine generato dai punti. Tutto ciò rimane invariato se si permutano i vettori .

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica