Indipendenza algebrica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In algebra astratta, un sottoinsieme di un campo si dice algebricamente indipendente su un sottocampo se gli elementi di non soddisfano nessuna equazione polinomiale non banale a coefficienti in .

Questo significa che per ogni sequenza finita di elementi distinti di e per ogni espressione polinomiale a coefficienti in , si ha: .

In particolare, un unico elemento è algebricamente indipendente su se e solo se è trascendente in . In generale, tutti gli elementi di un insieme algebricamente indipendente su sono necessariamente trascendenti su stesso anche se questa non è affatto condizione sufficiente.

Per esempio: il sottoinsieme dei numeri reali non è algebricamente indipendente sull'insieme dei razionali dal momento che l'espressione polinomiale vale zero se si scelgono e .

Non è noto se l'insieme {π, e} sia algebricamente indipendente su .

Nel 1996 Yu Nesterenko ha dimostrato l'indipendenza algebrica di su .

Data un'estensione di campi , si può utilizzare il lemma di Zorn per dimostrare che esiste sempre un sottosinsieme massimale di algebricamente indipendente su . Inoltre tutti i sottoinsiemi algebricamente indipendenti massimali hanno la stessa cardinalità nota come grado di trascendenza dell'estensione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Yu. V. Nesterenko, Algebraic independence of π and eπ, Number Theory and its Applications, Proc. 1996 Ankara conf., ed. C. Y. Yildirim and S. A. Stepanov, Dekker, 1999, pp. 121-149; MR 99k:11113

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica