Il matematico impenitente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Il mondo è diviso in due, e ognuno fa la sua scelta di campo. Da una parte, i penitenti a testa bassa: come Galileo Galilei che accettò di abiurare in ginocchio di fronte al tribunale dell'Inquisizione, o Renato Cartesio, che preferì non pubblicare il suo trattato […]. Dall'altra parte, gli impenitenti a testa alta: come Giordano Bruno, al quale fu messo il morso sul rogo per impedirgli di continuare a bestemmiare fino all'ultimo, o Benedetto Spinoza, che fu maledetto e radiato dalla comunità ebraica »
(Piergiorgio Odifreddi)
Il Matematico impenitente
Autore Piergiorgio Odifreddi
1ª ed. originale 2008
Genere saggio
Sottogenere divulgativo
Lingua originale italiano

Il matematico impenitente è una raccolta di articoli di Piergiorgio Odifreddi suddivisa in sette capitoli intitolati:

  • Fatti
  • Opinioni
  • Parole
  • Pensieri
  • Calcoli
  • Esperimenti
  • Persone

Si tratta di saggi, riflessioni e osservazioni su temi congeniali a Odifreddi, logica e matematica, cui si aggiungono divagazioni sulla religione, l'attualità politica, la lingua e la letteratura. Lo sguardo sul presente si alterna a ricognizioni sul passato. In molte parti del suo libro, ma in particolare nelle due sezioni iniziali Fatti e Opinioni Odifreddi ha inteso rispondere ai molti attacchi ricevuti in particolare dopo l'uscita del suo libro precedente Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici). Con questo saggio ha però voluto riavvicinarsi ad uno dei suoi scritti divulgativi di maggior successo, vale a dire Il matematico impertinente, abbracciando tematiche diverse a tutto tondo.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]