Igino Gromatico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Agrimensore con groma, incisione di Carolus Stephanus e Johannes Liebhaltus, Straßburg 1579.

Igino Gromatico (in latino: Hyginus Gromaticus; fine I secolo d.C. – metà II secolo d.C.) è stato uno scrittore ed agrimensore romano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Igino sarebbe vissuto durante il regno dell'imperatore Traiano (98117)[1]. Il suo soprannome, utilizzato dal Seicento per distinguerlo da scrittori omonimi, deriva dall'utensile groma, che era usato, appunto, dagli agrimensori.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Restano frammenti della sua opera Constitutio limitum sui confini terrieri[2] ː in essi, l'autore tratta, appunto, dei confini e del metodo per stabilirli, delle condizioni dei campi, dei tipi di controversie legati ai confini, delle modalità con cui tali limites vanno stabiliti[3].

A Igino fu attribuito anche il trattato De Munitionibus Castrorum, sugli accampamenti militari romani, il cui autore è oggi detto Pseudo-Igino, in quanto l'operetta dovrebbe risalire al III secolo d.C..

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1933, s.v..
  2. ^ Pubblicati in C. F. Lachmann, Gromatici Veteres, Berlino, Reimer, 1848, vol. I.
  3. ^ Cfr. il testo in "Latin packuhm".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. F. Lachmann, Gromatici Veteres, Berlino, Reimer, 1848, vol. I.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Frammenti della Constitutio Limitum (in latino).

Controllo di autorità VIAF: (EN8904404 · LCCN: (ENn87820217 · ISNI: (EN0000 0001 0796 8936 · GND: (DE119454254 · BNF: (FRcb12197344m (data) · BAV: ADV11637897 · CERL: cnp00979627