I Rantzau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I Rantzau
Genereopera lirica
MusicaPietro Mascagni
LibrettoGuido Menasci
Giovanni Targioni-Tozzetti (libretto online)
Fonti letterarieEmile Erckmann
Atti4 atti
Epoca di composizione1892
Prima rappr.10 novembre 1892
TeatroTeatro La Pergola

I Rantzau è un'opera in quattro atti del compositore Pietro Mascagni (1892), su libretto di Guido Menasci e Giovanni Targioni-Tozzetti, basato sull'opera omonima dello scrittore francese Emile Erckmann, tratta dal suo romanzo (1882) Les Deux Frères (I due fratelli).

Opera[modifica | modifica wikitesto]

Ebbe la prima al Teatro La Pergola di Firenze, il 10 novembre 1892[1].

L'ouverture è nota ed è stata registrata a Berlino diretta dallo stesso Mascagni, nel 1927. La parte del soprano nel primo atto è un ottimo esempio di verismo, e ha un impatto emotivo che stabilisce un parallelismo con Cavalleria rusticana; di grande impatto melodico è l'Intermezzo, che è molto orecchiabile e ricorda quello di Cavalleria rusticana. Il duetto soprano/tenore è abbastanza impressionante ed è stato registrato in tempi moderni da Plácido Domingo e Renata Scotto, ma l'opera rimane sfuggente, soprattutto perché ne è stata fatta un'unica registrazione, difficile da trovare[2]. Oggi in copia anastatica il libretto dell'opera è presente nell'edizione della Belforte Editore Libraio di proprietà della Books & Company di Sergio Tani.

Ruoli[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Voce Cast della prima 10 novembre 1892[3]
(Direttore: Rodolfo Ferrari)
Gianni Rantzau baritono Mattia Battistini
Giorgio tenore Fernando De Lucia
Luisa soprano Hariclea Darclée
Giacomo Rantzau basso Luigi Broglio
Fiorenzo baritono Edoardo Sottolana
Giulia mezzosoprano Stefania Collamarini
Lebel tenore Giovanni Paroli

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michele Girardi: Mascagni, Pietro Grove Music Online, accesso 10 aprile 2007.
  2. ^ Registrazione su Mascagni.org Archiviato il 23 dicembre 2008 in Internet Archive. Mascagni.org, recordings, accesso 3 aprile 2009.
  3. ^ Dati su italianopera.org