iMule

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
iMule
Logo di IMule
Screenshot di IMule
iMule in esecuzione
Sviluppatore iMule Team
Ultima versione 2.3.2.1 (14 ottobre 2012)
Sistema operativo Microsoft Windows
Mac OS X
Linux
Linguaggio
Genere Peer-to-peer
Licenza GNU GPL
(Licenza libera)
Sito web http://www.imule.i2p.tin0.de/

iMule è un client multipiattaforma della famiglia *Mule, adattato al network i2p e modellato sul client aMule.

iMule è un client P2P anonimo, perché a differenza di eMule, aMule e derivate, non utilizza più la rete eD2k ma utilizza solo la Kademlia su di un network novello di nome I2P che permette di effettuare file sharing in completo anonimato.

Storia di iMule[modifica | modifica sorgente]

iMule nasce nell'agosto 2007 come nuova idea per il P2P.

Il software risulta ancora essere in beta testing, e non è raro vedere dei bug in fase d'esecuzione, come non è raro vedere versioni numericamente molto diverse tra loro. Con la versione 1.2.1 è stata migliorata la stabilità correggendo diversi bug. Dalla versione 1.2.2 sono stati effettuati test completi sul suo funzionamento e dalla versione 1.2.4 è stata inserita la compatibilità con SAM Bridge sia versione 1 che 2.

Dalla versione 1.4.5 è stato inserito nel codice del programma l'I2P router 0.7.4 internamente, così da non richiedere che venga eseguito I2P esternamente.

Ultima versione 2.3.2.1 (14-10-2012)

Vantaggi e svantaggi rispetto ad eMule[modifica | modifica sorgente]

Vantaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Programma P2P totalmente anonimo
  • Fortemente decentrato, non dipende dai server
  • Multipiattaforma (modellato su aMule)
  • Multilingua tra cui l'italiano
  • Gratuito licenza GPL

Svantaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Poca disponibilità di file a causa del suo ingresso recente

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Telematica Portale Telematica: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di reti, telecomunicazioni e protocolli di rete