Henri Émile Sauvage

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Henri Émile Sauvage (Boulogne-sur-Mer, 22 settembre 1842Boulogne-sur-Mer, 3 gennaio 1917) è stato un paleontologo, ittiologo ed erpetologo francese, era particolarmente rinomato come esperto di pesci e rettili mesozoici.[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha lavorato come curatore presso il Muséum d'Histoire Naturelle di Boulogne-sur-Mer, e ha pubblicato molto su dinosauri del Giurassico superiore e altri vertebrati ritrovati nella regione di Boulonnais, nel nord della Francia.[2] Suoi sono inoltre importanti contributi sulla paleontologia dei vertebrati ritrovati in Portogallo: nel 1897 descrisse Suchosaurus girardi, a partire da frammenti di mascella trovati nel paese.[1]

Dal 1883 al 1896 fu direttore della stazione aquicole di Boulogne-sur-Mer. Fu membro della Société géologique de France.[3] Nel 1893 Philippe Thomas pubblicò i risultati paleontologici della missione di esplorazione scientifica tunisina (1885-1886) in sei puntate più un atlante, con i lavori dei vari studiosi che avevano partecipato alla missione: un lavoro di Sauvage sui pesci, un lavoro di Victor-Auguste Gauthier sui ricci di mare, uno di Arnould Locard sui molluschi, uno di Auguste Péron su brachiopodi, briozoi e pentacriniti.[4]

La specie plesiosauride Lusonectes sauvagei è stata intitolata in suo onore, [5] come anche la specie di crostaceo Pseudanthessius sauvagei [6] e la specie di geco Bavayia sauvagii.[7]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Note sur les geckotiens della Nouvelle-Calédonie, 1878.[7]
  • Bassin houiller et permien d'Autun et d'Épinac, 1889-1897 (con Frédéric Delafond, Michel Lévy, Bernard Renault, René Zeiller, 7 volumi).[8]
  • Histoire naturelle des poissons, (1891); in Alfred Grandidier, Histoire physique, naturelle et politique de Madagascar.[9]
  • Vertébrés fossiles du Portugal: Contributions à l'étude des poissons et des reptiles du jurassique et du crétacique, (1897).[10]
  • Musées municipaux de Boulogne-sur-Mer, 1898.[3]
    • Articoli pubblicati su The Popular Science Montly:
  • "Amphibious Fishes", Vol. 9, settembre 1876.
  • "The Archer-Fishes", Vol. 12, gennaio 1878.
  • "The Matamata", Vol. 16, marzo 1880.[11]
    • Biografia di Henri Émile Sauvage:
  • La Vie et l'oeuvre d'Emile Sauvage, Casimir Cépède, Boulogne-sur-Mer, Imprimerie G. Hamain, 1923.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dinosaurs and Other Extinct Saurians: A Historical Perspective edito da Richard Moody
  2. ^ The Complete Dinosaur edito da M. K. Brett-Surman, Thomas R. Holtz, James Orville Farlow
  3. ^ a b Data.BnF.fr Henri-Émile Sauvage (1842-1917)
  4. ^ (FR) Burollet, Pierre F., L'exploration de la Tunisie avant la première guerre mondiale, in Travaux du Comitée français d'Histoire de la Géologie, vol. 9 (3), Comité Français d'Histoire de la Géologie (COFRHIGEO), 21 giugno 1995, pp. 111-122. URL consultato il 17 luglio 2019.
  5. ^ Acta Palaeontologica Polonica A New Plesiosauroid from the Toarcian (Lower Jurassic) of Alhadas, Portugal
  6. ^ BEMON Biographical Etymology of Marine Organism Names. S
  7. ^ a b Beolens, Bo; Watkins, Michael; Grayson, Michael (2011). The Eponym Dictionary of Reptiles. Baltimore: Johns Hopkins University Press. xiii + 296 pp. ISBN 978-1-4214-0135-5. ("Sauvage", p. 233).
  8. ^ HathiTrust Digital Library Bassin houiller et permien d'Autun et d'Epinac.
  9. ^ WorldCat Title Histoire naturelle des poissons
  10. ^ Open Library published works
  11. ^ English Wikisource Articles in Popular Science Monthly
  12. ^ WorldCat Title La Vie et l'oeuvre d'Emile Sauvage

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]