Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Hava Nagila

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hava Nagila (הבה נגילה in lingua ebraica, "Rallegriamoci" in italiano) è una canzone popolare ebraica.

Aiuto
Hava Nagila (info file)
Versione strumentale della canzone

Ispirata ad una melodia popolare ucraina della Bucovina,[1] la canzone è stata composta dal musicologo Abraham Zevi Idelsohn[2] nel 1918 per celebrare la vittoria inglese in Palestina al termine della Prima Guerra Mondiale, in occasione della Dichiarazione Balfour.

Sia il titolo che il testo sono stati traslitterati e tradotti in versioni differenti.

Nel 1983 Franco Battiato cita alcuni versi di questo brano (per la precisione Uru b'lev sameach) nella canzone Oppio, scritta per la cantante Sibilla, che la presenta al Festival di Sanremo 1983.

Il 3 maggio 2015 Emanuele Pinchera, cantautore morenese in trasferta a Budapest, fornisce un'interpretazione memorabile del pezzo al romkert Szimpla.

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Testo in ebraico Traslitterazione Traduzione
הבה נגילה Hava naghila Rallegriamoci
הבה נגילה Hava naghila Rallegriamoci
הבה נגילה ונשמחה Hava naghila ve nis'mecha Rallegriamoci e siamo felici
  (ripetere due volte)  
הבה נרננה Hava neranenah Cantiamo
הבה נרננה Hava neranenah Cantiamo
הבה נרננה ונשמחה Hava neranenah ve nis'mecha Cantiamo e siamo felici
  (ripetere due volte)  
!עורו, עורו אחים Uru, uru achim! Svegliatevi, svegliatevi fratelli!
עורו אחים בלב שמח Uru achim b'lev sameach Svegliatevi fratelli col cuore felice
  (ripetere quattro volte)  
!עורו אחים, עורו אחים Uru achim, uru achim! Svegliatevi fratelli, svegliatevi fratelli!
בלב שמח B'lev sameach Col cuore felice

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) A. Idelsohn, Jewish Music: its historical development, p. 12.
  2. ^ (EN) Storia della canzone. URL consultato il 5 giugno 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]