Hallmark Channel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hallmark Channel
Hallmark Channel.svg
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipologia Piattaforma satellitare, via cavo e ADSL
Editore NBCUniversal
Data di lancio 2010
Sostituisce VISN/ACTS (fusione, 1992)
Faith & Values Channel (1993)
Odyssey Network (1996)
Sede principale New York
Sito [1]
Dati tecnici
Lingua Stati Uniti Inglese

Hallmark Channel è una rete televisiva che trasmette tramite versioni localizzate in oltre 100 paesi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La rete trasmette in particolare serie e film adatti per tutta la famiglia. In tutti i paesi, ad eccezione degli Stati Uniti, sono di proprietà di NBCUniversal. Il nome Hallmark è concesso in licenza da Hallmark Cards, Inc., una società americana specializzata nei biglietti di auguri.[1][2] Hallmark Channel è gestito da società separate rispetto alla versione americana che hanno comunque accesso al nome e al brand di Hallmark, insieme con il logo. Le versioni localizzate dispongono inoltre di diverse programmazioni o possono relazionarsi a target differenti rispetto alla versione originale statunitense.

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Hallmark Channel (Stati Uniti).

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: DIVA Universal.

La versione italiana di Hallmark Channel, trasmette per lo più film e serie televisive statunitensi come Giudice Amy, Settimo cielo, Le sorelle McLeod ecc. La rete televisiva è stata ribattezzata DIVA Universal il 1 aprile 2011.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jean K. Chalaby, Transnational Television in Europe: Reconfiguring Global Communications Networks, I.B. Tauris & Co, 2009, p. 141, ISBN 978 1 84511 953 9.
  2. ^ Sparrowhawk Media
  3. ^ Simone Rossi, Hallmark si rifà il trucco: dal 1 aprile su Sky nasce Diva Universal., su Digital-news, 25 febbraio 2011. URL consultato il 20 ottobre 2016.
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione