Guanoxano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Guanoxano
Guanoxan.png
Nome IUPAC
2-(2,3-Diidro-1,4-benzodioxin-2-ylmetil)guanidina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC10H13N3O2
Massa molecolare (u)207.23 g/mol
Numero CAS2165-19-7
Codice ATCC02CC03
PubChem16564 CID 16564
DrugBankDB13211
SMILES
C1C(OC2=CC=CC=C2O1)CN=C(N)N
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
orale
Indicazioni di sicurezza

Il guanoxano è una sostanza ad azione simpaticolitica. In passato è stato utilizzato come agente antiipertensivo con azioni simili a quelle della guanetidina. Il suo è stato oggi abbandonato. Il farmaco è stato anche utilizzato in caso di botulismo in sostituzione della guanidina.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il farmaco fu posto in commercio intorno al 1960 dalla azienda farmaceutica Pfizer Limited. con il nome commerciale Envacar. Durante i primi trial clinici fu chiamato composto 1003.[1]

Farmacodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Il guanoxano è in grado di bloccare il rilascio di adrenalina e noradrenalina nelle terminazioni nervose simpatiche a livello postgangliare e determina una deplezione di queste sostanze. Gli studi hanno dimostrato che gli effetti ipertensivi correlati all'infusione endovenosa di noradrenalina nei cani trattati con guanoxano erano marcatamente ridotti a causa del blocco dei recettori alfa.[2]

Usi clinici[modifica | modifica wikitesto]

Il farmaco venne utilizzato come antiipertensivo,[1][3][4] con azione simile a quella della guanetidina, alla quale veniva spesso confrontato[5][6][7]

Posologia e vie di somministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il guanoxano è stato somministrato alle dosi di 10–50 mg al giorno. In alcuni casi sono state somministrate dosi superiori a 120 mg/die.[8]

È stato osservato che nel paziente anziano affetto da botulismo un dosaggio di 5–15 mg 2 volte al giorno migliora sia la respirazione che la capacità di deglutire.[9]

Effetti collaterali[modifica | modifica wikitesto]

Fin dai primi trial clinici i pazienti trattati con guanoxano alle dosi terapeutiche mostrarono tra i possibili effetti collaterali: nausea, diarrea, vertigine posturale e da attività fisica, disfunzioni sessuali, congestione nasale ed aumento ponderale.[1]
L'uso del farmaco come antiipertensivo è oggi stato abbandonato per i danni epatici, gravi alterazioni dei test di funzionalità epatica, ittero colestatico, necrosi epatica cronica, che si manifestavano in seguito alla sua assunzione. Le prime segnalazioni in tal senso si ebbero già nel 1966, a breve distanza dal suo utilizzo.[10][11][12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Peart WS, MacMahon MT, Clinical trial of 2-Guanidinomethyl (1,4) Benzodioxan (Compound 1003), in Br Med J, vol. 1, nº 5380, febbraio 1964, pp. 398–402, PMC 1813365, PMID 14085967.
  2. ^ Gaisford W, To-Day's drugs. Guanoxan, in Br Med J, vol. 2, nº 5400, luglio 1964, p. 37, PMC 1815658, PMID 14147778.
  3. ^ Montuschi E, Lovel TW, Guanoxan in hypertension, in Lancet, vol. 2, nº 7373, dicembre 1964, pp. 1339–40, PMID 14224049.
  4. ^ (NL) Hendrickx H, Verstraete M, [Clinical experiments with guanoxan, a new hypotensive agent], in Acta Clin Belg, vol. 20, nº 6, 1965, pp. 394–415, PMID 5879417.
  5. ^ (FR) Veldeman W, [Comparative clinical study of guanoxan and guanethidine], in Brux Med, vol. 45, nº 24, giugno 1965, pp. 673–9, PMID 5319770.
  6. ^ (DE) Pauli HG, Sommer W, Vorburger C, [Guanoxan as a new antihypertensive agent from the guanidine group], in Cardiologia, vol. 48, nº 3, 1966, pp. 344–8, PMID 5331377.
  7. ^ Ruedy J, Davies RO, A comparative clinical trial of guanoxan and guanethidine in essential hypertension, in Clin. Pharmacol. Ther., vol. 8, nº 1, 1967, pp. 38–47, PMID 5334083.
  8. ^ Ambrosioni E, Magelli C, Magnani B, [Studies on the antihypertensive efficacy of guanoxan], in G Clin Med, vol. 58, 1-2, 1977, pp. 19–30, PMID 143388.
  9. ^ Neal KR, Dunbar EM, Improvement in bulbar weakness with guanoxan in type B botulism, in Lancet, vol. 335, nº 8700, maggio 1990, pp. 1286–7, PMID 1971362.
  10. ^ Cotton SG, Montuschi E, Side-effects of guanoxan, in Br Med J, vol. 1, nº 5478, gennaio 1966, p. 51, PMC 1845305, PMID 5900910.
  11. ^ Frohlich ED, Dustan HP, Page IH, Some clinical effects of guanoxan, in Clin. Pharmacol. Ther., vol. 7, nº 5, 1966, pp. 599–602, PMID 5957164.
  12. ^ Cotton SG, Montuschi E. Guanoxan. Br Med J. 1967 July 15; 3(5558): 174. PMCID: PMC1842815
Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina