Grotta della Dragunara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Grotta della Dragunara
StatoItalia Italia
RegioneSardegna Sardegna
ProvinceSassari Sassari
ComuniAlghero-Stemma.png Alghero
Altitudinem s.l.m.
Profondità40 m
Coordinate40°33′38.75″N 8°09′50.25″E / 40.560765°N 8.163958°E40.560765; 8.163958Coordinate: 40°33′38.75″N 8°09′50.25″E / 40.560765°N 8.163958°E40.560765; 8.163958
Mappa di localizzazione: Italia
Grotta della Dragunara
Grotta della Dragunara

La grotta della Dragunara (o della Dragumara) è un'importante grotta morfologicamente mista aerea/sommersa, che si trova nei pressi di Cala Dragunara, nel golfo di Porto Conte, a pochi km da Alghero. Il nome deriva dal latino "Dracunara" poi "Dragonara" (trad. antro, spelonca, caverna) e poi modificato secondo i canoni della lingua catalano/algheresi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La grotta è un sistema carsico molto importante: presenta infatti un lago interno molto profondo con acqua dolce in superficie, che diviene salmastra e salata dopo pochi metri, ma nel caso di piogge abbondanti anche a maggiori profondità. Per questo aspetto la grotta è stata per millenni un luogo di approvvigionamento di acqua dolce: era infatti frequentata dall'uomo sin dalla preistoria. Lo testimoniano i numerosi ritrovamenti di cocci e contenitori in terracotta; è stato forse anche luogo di sepoltura, come testimoniano le numerose ossa umane ritrovate. Fino a tempi recenti è stato presidio della Marina Militare, con molo ed edificio di competenza, per l'approvvigionamento di bastimenti e navi da guerra. Il lago interno ha una profondità di circa 40 metri, con numerose sottili e lunghe stalattiti. Con grande difficoltà, dovuta al trasporto delle attrezzature, è possibile immergersi in un luogo dalla grande spettacolarità accompagnati da speleologi subacquei esperti del locale gruppo speleo-subacqueo.

Da diversi decenni sono stati effettuati studi e ricerche con relative pubblicazioni scientifiche e vari articoli giornalistici, nonché alcuni documentari.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]