Gli incubi di Hazel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gli Incubi di Hazel
AutoreLeander Deeny
1ª ed. originale2008
GenereRomanzo
Sottogenerefantasy
Lingua originaleinglese
ProtagonistiHazel
CoprotagonistiLady Eugenia Pequierde, Isambard, Geoff il gorillopardo, Francis lo struzzorana, Noel il pitospino

«Aveva il corpo e le zampe di uno struzzo, ma con due artigli talmente lunghi e agili da riuscire facilmente a sollevare un bambino della sua stazza

(Gli Incubi di Hazel)

Gli Incubi di Hazel (titolo originale Hazel's Phantasmagoria) è il romanzo d'esordio dello scrittore newyorkese Leander Deeny, edito per la prima volta nel 2008 sia negli Stati Uniti che all'estero, con notorietà internazionale[1]. Nel 2009 sono stati acquistati i diritti per il film[2].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Hazel (nocciola), una bambina di 10 anni, è costretta a trascorrere tre settimane di vacanza ospite nel fatiscente maniero della terribile zia Eugenia, con l'unica compagnia dello strambo cugino Isambard.
Quando la noia sembra oramai insopportabile, Hazel fugge dalla casa e scopre che nell'immenso giardino della zia Eugenia si nascondono delle strane creature. Insieme a Geoff (un incrocio tra un gorilla e un leopardo), Francis (un incrocio tra uno struzzo e una rana) e Noel (un incrocio tra un pitone e un porcospino), Hazel decide di trascorrere quel che resta della sua vacanza forzata a terrorizzare l'antipatica zia Eugenia. Hazel scopre che Isambard vuole uccidere la madre e che è stato lui a creare tre mostri che lei chiama incubi.

Isambard vuole vendicarsi della prematura morte del padre ma Geoff interviene e si rivolta al padrone, impedendogli di uccidere la zia di Hazel. Dopo questo Isambard scompare e Eugenia decide di cercarlo senza aiuto di qualcuno. Dopo la scomparsa del cugino la bambina trascorre il resto del tempo coccolata da Eugenia.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Hazel: protagonista della storia, odia zia Eugenia e prova a divertire il cugino facendo inscenare alla servitù una stramba opera ideata da Isambard stesso.

Eugenia: colpevole involontaria della morte del marito, passa le notte insonni per paura dei mostri creati a sua insaputa dal figlio. Non riesce a ricordare il nome della nipote chiamandola molto spesso "Noce" (Hazel vuol dire Nocciola).

Isambard: figlio di Eugenia, medita vendetta contro la madre.

Signora Dungeon: cuoca che cucinava sempre il sugo di carne

Signor Pude: vecchio maggiordomo

Signor Boynce: giardiniere

Francis: struzzorana = struzzo + rana

Geoff: gorillopardo = gorilla + leopardo

Noel: pitospino = pitone + porcospino

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]