Giovanni Melchiorre Calosso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Melchiorre Calosso (Chieri, 1759Morialdo, 21 novembre 1830[1]) è stato un presbitero italiano. Citato da Giovanni Bosco nelle sue Memorie, nelle quali viene indicato come suo mentore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in Teologia all'università di Torino nel 1782, nel 1791 fu parroco di Bruino. Nel 1813, dopo aver lasciato l'incarico, fu ospite del fratello a Berzano e qui, dal 1829, dopo essere diventato cappellano di Morialdo, fece la conoscenza di don Bosco e lo accolse come suo allievo per un anno. Il 21 novembre 1830, in punto di morte, lasciò a Don Bosco le chiavi di una cassaforte contenente seimila lire: una donazione al giovane sacerdote perché potesse continuare gli studi. Don Bosco, tuttavia, rifiutò il dono, consegnando il denaro agli eredi di don Calosso[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]