Geodiversità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La geodiversità è la gamma (diversità) dei caratteri geologici (rocce, minerali, fossili), geomorfologici (forme, processi), idrologici e pedologici presenti in una data area; comprende i raggruppamenti e i sistemi costituiti dai caratteri considerati, nonché le loro relazioni e la loro interpretazione[1] (Gray, 2004). Poiché gli aspetti geologici, geomorfologici e pedologici di una zona ne influenzano le caratteristiche ecologiche (il suolo, anzi, si forma anche attraverso processi biotici) la geodiversità è strettamente legata alla biodiversità e, insieme a quest'ultima, costituisce quella che si può chiamare diversità naturale di un'area; la geodiversità, inoltre, contribuisce a determinare il valore di un geomorfosito.

Il concetto di geodiversità pone l'accento sull'importanza e sulla sensibilità degli elementi abiotici e della loro dinamica, nonché sul valore dei fattori geologici, geomorfologici, pedologici e idrologici per la conservazione della natura e per la pianificazione e gestione del territorio e del paesaggio, anche al di fuori delle aree protette (Serrano et alii, 2007).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zwolinski, Zb. 2004. Geodiversity, in: Encyclopedia of Geomorphology, A.Goudie (ed.), Routledge: pp. 417-418.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]