Galleria Pasa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Galleria Principe Amedeo di Savoia-Aosta
Rome tunnel PASA.jpg
Ingresso della galleria PASA (Principe Amedeo di Savoia-Aosta) dal lato di porta Cavalleggeri.
StatoItalia Italia
LocalizzazioneRoma
Coordinate41°54′00.66″N 12°27′25.56″E / 41.900184°N 12.4571°E41.900184; 12.4571Coordinate: 41°54′00.66″N 12°27′25.56″E / 41.900184°N 12.4571°E41.900184; 12.4571
Lunghezza0 250 km
AttraversaGianicolo
Veicoli ammessiMezzi motorizzati e motocicli con cilindrata superiore ai 125 cc
Numero di canne1
Diametro16 m
Inizio dei lavori1938
Apertura1940
PedaggioNo
Fotografia notturna di via Acciaioli a Roma (corso Vittorio Emanuele II). Sullo sfondo l'imboccatura verso il Tevere della galleria Principe Amedeo di Savoia-Aosta, che sottopassa il Gianicolo.

La galleria Principe Amedeo di Savoia-Aosta (conosciuta anche con l'acronimo galleria PASA[1]) è un traforo urbano di Roma.

L'opera, dedicata a Amedeo di Savoia-Aosta, sottopassa il Gianicolo fuori dal Vaticano, tra porta Cavalleggeri e porta Santo Spirito, e il ponte omonimo, aperto nel 1942. In origine le due opere venivano designate come galleria Gianicolense e Nuovo ponte dei Fiorentini.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Progettata dall'architetto Cesare Bazzani a partire dal 1930[2], i lavori di realizzazione iniziarono in epoca fascista nel 1938 e si conclusero dopo 24 mesi[3]. Inizialmente l'opera era chiamata semplicemente galleria Gianicolense[4] oppure galleria del Gianicolo[5].

La galleria è lunga 250 metri e larga 16 metri.

Lavori di ammodernamento[modifica | modifica wikitesto]

In occasione del Giubileo del 2000, la struttura è stata riammodernata a partire dal 12 agosto 2008[6], realizzando un "sistema Pasa" consistente in un sottovia del lungotevere in Sassia, il raddoppio della galleria e l'interconnessione con il parcheggio del Gianicolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riaperta al traffico la Galleria Pasa per infiltrazioni d'acqua, in Repubblica, 07 febbraio 2012.
  2. ^ Fondo Cesare Bazzani, su Archivio di Stato di Terni. URL consultato il 20 febbraio 2015.
  3. ^ Il Traforo Gianicolense, 1938.
  4. ^ Ponte Principe Amedeo, su romasparita.eu. URL consultato il 20 febbraio 2015.
  5. ^ Il Duce visita i lavori del traforo del Gianicolo e della via del Mare, su senato.archivioluce.it.
  6. ^ PAtti Parlamentari della XIII legislatura (PDF), su leg13.camera.it. URL consultato il 20 febbraio 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]