Galassia nana irregolare di Pegaso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Galassia nana irregolare di Pegaso
Galassia nana irregolare
Peg DIG color cutout hst 05915 04 wfpc2 f814w f814w f555w wf sci.jpg
La galassia nana irregolare di Pegaso e in basso la galassia di Andromeda (Hubble Legacy Archive)
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazionePegaso
Ascensione retta23h 28m 36.2s
Declinazione+14° 44′ 35″
Distanza3,95 milioni di a.l.  
Redshift-0,000612
Velocità radiale-183 km/s
Caratteristiche fisiche
TipoGalassia nana irregolare
Altre designazioni
UGC 12613, PGC 71538, DDO 216, MCG +02-59-046, Pegasus Dwarf Irregular, Peg DIG
Mappa di localizzazione
Galassia nana irregolare di Pegaso
Pegasus IAU.svg
Categoria di galassie nane irregolari

Coordinate: Carta celeste 23h 28m 36.2s, +14° 44′ 35″

La galassia nana irregolare di Pegaso (Peg DIG è una galassia nana irregolare situata nell'omonima costellazione alla distanza di quasi 4 milioni di anni luce dalla Terra. Con un blueshift di 0,000612 Peg DIG si muove in direzione della Via Lattea alla velocità di 183 km/s.

Fu identificata negli anni 50 da A. WIlson e confermata come galassia nana da Fisher e Tully nel 1975[1]. Nonostante le sue ridotte dimensioni vi è una significativa attività di formazione stellare come evidenziato dalla presenza di stelle blu luminose e di piccole regioni H II, ma la maggior parte delle stelle sono stelle antiche e povere di metalli[2].

È una galassia satellite della galassia di Andromeda (M31) e quindi fa parte del Gruppo locale. Ha un diametro di soli 1.000 anni luce. La distanza appare a tutt'oggi incerta ed i risultati delle misurazioni presentano grande variabilità[3][4][5] anche se la media si attesta intorno a 1,2-1,4 Megaparsec[6].

Non va confusa con la galassia nana sferoidale di Pegaso (o Andromeda VI), anch'essa appartenente al Gruppo locale e satellite della galassia di Andromeda.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ J. R. Fisher e R. B. Tully, Neutral hydrogen observations of DDO dwarf galaxies, in Astronomy and Astrophysics, vol. 44, 1° novembre 1975, pp. 151–171. URL consultato il 03 aprile 2016.
  2. ^ J. S. Gallagher, Eline Tolstoy e Robbie C. Dohm-Palmer, A WFPC2 Study of the Resolved Stellar Population of the Pegasus Dwarf Irregular Galaxy (DDO 216), in The Astronomical Journal, vol. 115, nº 5, pp. 1869–1887, DOI:10.1086/300328. URL consultato il 03 aprile 2016.
  3. ^ Igor D. Karachentsev, Valentina E. Karachentseva e Walter K. Huchtmeier, A Catalog of Neighboring Galaxies, in The Astronomical Journal, vol. 127, 1° aprile 2004, pp. 2031–2068, DOI:10.1086/382905. URL consultato il 03 aprile 2016.
  4. ^ A. W. McConnachie, M. J. Irwin e A. M. N. Ferguson, Distances and Metallicities for 17 Local Group Galaxies, in arXiv:astro-ph/0410489, 20 ottobre 2004, DOI:10.1111/j.1365-2966.2004.08514.x/abs/. URL consultato il 03 aprile 2016.
  5. ^ Sidney van den Bergh, The Galaxies of the Local Group, 1° maggio 2000, ISBN 0521651816. URL consultato il 03 aprile 2016.
  6. ^ R. Brent Tully, Helene M. Courtois e Andrew E. Dolphin, Cosmicflows-2: The Data, in The Astronomical Journal, vol. 146, nº 4, 1° ottobre 2013, pp. 86, DOI:10.1088/0004-6256/146/4/86. URL consultato il 03 aprile 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari