Gaio Popilio Lenate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gaio Popilio Lenate
Nome originaleGaius Popillius Laenas
GensPopilia
Consolato172 a.C.
158 a.C.

Gaio Popilio Lenate[1] (in latino: Gaius Popillius Laenas) (... – ...) è stato un politico romano, due volte console nel 172 e nel 158 a.C..

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Apparteneva alla gens Popilia, che, come indicherebbe il nome, era di origine etrusca. Nel 169 a.C. fece parte dell'ambasciata inviata da Roma in Egitto per fermare l'invasione di Antioco IV Epifane, re di Siria. Alla richiesta romana di desistere dall'attaccare Alessandria, il sovrano seleucide prese tempo, ma Popilio gli impose di fermarsi e i Siriani si ritirarono. Censore nel 159 a.C., insieme al collega Scipione Nasica, fece costruire il primo orologio ad acqua in Roma.

Fu eletto console una seconda volta nel 158 a.C. con Marco Emilio Lepido.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]