Gaetano Lo Presti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gaetano Lo Presti (Palermo, 1956Palermo, 16 dicembre 2008) è stato un criminale italiano. Mafioso attivo in Sicilia, dopo l'arresto di Bernardo Provenzano era stato nominato capo mandamento di Porta Nuova da Salvatore Lo Piccolo[1], e faceva parte della frangia dei "dissidenti" di Matteo Messina Denaro. Già indagato per tangenti nel 1992, è stato arrestato il 16 dicembre 2008 nell'ambito dell'operazione Perseo[2], si è ucciso impiccandosi in cella nella casa circondariale "Pagliarelli", posta nell'omonima frazione di Palermo[3].

L'operazione era stata mirata a impedire il riformarsi della "Cupola", come programmato da Pino Scaduto e altri capi mandamento. [3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si uccide in carcere boss Gaetano Lo Presti, 17 dicembre 2008. URL consultato il 2008-12-17.
  2. ^ Operazione Perseo: l'elenco dei fermati, 16 dicembre 2008. URL consultato il 2008-12-17.
  3. ^ a b Operazione Perseo, si suicida il boss Gaetano Lo Presti, 16 dicembre 2008. URL consultato il 2008-12-17.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie