Fratelli della Beata Maria Vergine Madre della Misericordia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

I Fratelli della Beata Maria Vergine Madre della Misericordia, detti di Tilburg (in latino Congregatio Fratrum B. Mariae V., Matris Misericordiae; in neerlandese Fraters van Onze Lieve Vrouw Moeder van Barmhartigheid) sono un istituto religioso maschile di diritto pontificio.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Joannes Zwijsen, fondatore della congregazione

La congregazione venne fondata a Tilburg il 25 agosto 1854 da Joannes Zwijsen (1794-1877), vicario apostolico di 's-Hertogenbosch e poi arcivescovo di Utrecht, per l'educazione cristiana e l'istruzione della gioventù: pur comprendendo inizialmente anche sacerdoti, l'istituto divenne essenzialmente laicale. Nel 1851 i Fratelli di Tilburg aprirono a Maaseik una scuola per ciechi e sordomuti.[2]

Presto i religiosi si aprirono anche all'apostolato in terra di missione, aprendo scuole a Curaçao (1866) e in Guyana Olandese (1902).[2]

L'istituto ricevette il pontificio decreto di lode il 5 settembre 1859 e l'approvazione definitiva della Santa Sede nel 1861; le sue costituzioni vennero approvate definitivamente il 5 settembre 1859.[2]

Attività e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

I Fratelli di Tilburg si dedicano soprattutto all'istruzione e all'educazione cristiana della gioventù.

Sono presenti in Belgio, nei Paesi Bassi, nelle Americhe (Brasile, Stati Uniti d'America, Suriname), in Africa (Kenya, Namibia, Tanzania) e in Asia (Indonesia, Timor Est);[3] la sede generalizia è a Tilburg (nei Paesi Bassi).[1]

Al 31 dicembre 2005, la congregazione contava 320 religiosi in 40 case.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2007, pp. 1499-1500.
  2. ^ a b c DIP, vol. IV (1977), coll. 597-598, voce a cura di N. Vinckx.
  3. ^ Where we are, su cmmbrothers.org. URL consultato il 15 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2010).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN126763785 · LCCN (ENn87848634 · GND (DE4211163-8 · WorldCat Identities (ENlccn-n87848634