Franco Biondi Santi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Franco Biondi Santi

Franco Biondi Santi (Montalcino, 11 gennaio 19228 aprile 2013) è stato un imprenditore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Rinomato produttore di vino, è conosciuto per la produzione del Brunello di Montalcino un vino rosso prodotto solo a Montalcino in Toscana.[1] Si laureò presso l'Università di Perugia in Scienze Agrarie nel 1948, il che gli valse il soprannome il Dottore in un'epoca in cui era inusuale per un produttore di vino essere laureato.[2] Un altro soprannome che acquisì nel corso degli anni è legato a come lo definì Kerin O'Keefe nel titolo della biografia a lui dedicata pubblicata da Luigi Veronelli nel 2004: il gentleman del Brunello.[3]

La prima menzione del vino Brunello risale al 1869, quando il trisnonno Clemente Santi vinse due medaglie d'argento per il "vino scelto rosso (brunello) del 1865" alla fiera agricola di Montepulciano.[4] Franco imparò le tecniche della vinificazione dal padre Tancredi, uno degli enologi italiani più celebrati, e quando ereditò la tenuta della famiglia Greppo nel 1970 rimase fedele alla tradizione di suo padre ma cercò nel contempo di migliorare la qualità.[2] Nel medesimo anno Franco iniziò anche una collaborazione con l'Università di Firenze per selezionare i migliori cloni di Sangiovese presenti nella sua tenuta, che lo portò a isolarne alcuni tra cui il BBS/11, che attualmente rappresenta circa la metà della superficie vitata del Greppo.[2][4]

Anche se i suoi vini hanno sempre goduto di grande popolarità e riconoscimenti, è stato considerato da alcuni critici "...come un vecchio parruccone, un passatista, un uomo incapace di comprendere il presente e la necessità, per il Brunello, di evolvere e di allinearsi alle esigenze del consumatore tipo di oggi, (che non ha tempo da perdere per aspettare che un Brunello maturi pazientemente in cantina e che quando ne acquista una bottiglia è generalmente per stapparla subito)."[5] Negli ultimi anni della sua vita ha avuto, tuttavia, la soddisfazione di vedere i meriti dei suoi vini riconosciuti anche da chi precedentemente non li apprezzava.[6]

Alla sua scomparsa l'impresa passa ai figli Jacopo e Alessandra[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eric Asimov, Franco Biondi Santi, Brunello Winemaker, Dies at 91, su The New York Times, 11 aprile 2013.
  2. ^ a b c Kerin O'Keefe, Franco Biondi Santi. Il gentleman del Brunello, Veronelli Editore, 2004, ISBN 8872501229.
  3. ^ Walter Speller, The gentleman of Montalcino dies, su JancisRobinson.com, 8 aprile 2013.
  4. ^ a b Paolo Tenti, Franco Biondi Santi (1922-2013), in The World of Fine Wine, 40 2013.
  5. ^ Franco Ziliani, Kerin O’Keefe racconta Franco Biondi Santi, il gentleman del Brunello, in WineReport, 9 marzo 2005. URL consultato il 17 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2014).
  6. ^ Kerin O'Keefe, Brunello di Montalcino. Understanding and Appreciating One of Italy's Greatest Wines, University of California Press, 2012, ISBN 0-520-26564-5
  7. ^ Kerin O'Keefe, Addio Franco Biondi Santi, in Wine Enthusiast, 8 aprile 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito Ufficiale Biondi Santi, su biondisanti.it. URL consultato il 30 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2013).
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie