Francesco Cigalini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Volturrenus sive De Mathematica praesensione dialogus, 1655

Francesco Cigalini (Como, 1489Como, 5 luglio 1551) è stato un umanista, medico e astrologo italiano.[1][2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Como e figlio del medico Paolo Cigalini, seguì negli studi il padre ma si interessò anche di diversi altri campi come la storia, le lingue antiche, la filosofia, la teologia ed ebbe una vera passione per l'astrologia,[3] divenendo una delle maggiori personalità della cultura del comasco.[1] Fu anche un eccellente conoscitore di greco ed ebraico.[1] Scrisse numerose opere, la maggior parte perdute, in particolare su astrologia e antichità. Morì nella città natale nel 1551.[1]

Il suo principale trattato sull'astrologia, Coelum sydereum, fu pubblicato postumo nel 1699 a Como, un secolo dopo che era stato scritto.[4] L'opera, in sette libri, è un'ampia trattazione dell'influsso e dell'efficacia delle costellazioni.[1] Secondo Cigalini «le operazioni delle stelle avvengono secondo natura, non secondo matematica».[4][5]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Roberto Ricciardi, Francesco Cigalini, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 25, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1981.
  2. ^ Cigalini, Francesco, su thesaurus.cerl.org. URL consultato il 6 luglio 2017.
  3. ^ Storia di Como scritta da Maurizio Monti, Co' torchi di C. P. Ostinelli, 1832, pp. 892–.
  4. ^ a b Ornella Pompeo Faracovi, L'astrologia, in Il Contributo italiano alla storia del Pensiero: Scienze, Treccani, 2013.
  5. ^ Coelum sydereum, p. 176.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE119641682 · CERL cnp01118461