Francesco Arcangeli (XVIII secolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Arcangeli (Pistoia, 18 maggio 1737Trieste, 20 luglio 1768) è stato il protagonista di un drammatico fatto di sangue accaduto nel XVIII secolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Campiglio di Cireglio, frazione del comune di Pistoia, il 18 maggio 1737, venendo battezzato il giorno seguente. Di professione cuoco, con precedenti penali a suo carico, nel 1768 fece la conoscenza di Johann Joachim Winckelmann, a cui, assecondando i suoi tentativi di approccio, intendeva rubare le medaglie da questi ricevute in regalo mentre si trovava alla corte imperiale.

L'8 giugno 1768 Arcangeli uccise Winckelmann in una camera della Locanda Grande di Trieste. Il giorno dopo il Winckelmann venne sepolto nel cimitero della cattedrale di San Giusto. Circa un mese e mezzo dopo, il 18 luglio, Arcangeli venne condannato ad essere ruotato dal disopra all'ingiù. La sentenza venne eseguita due giorni dopo, il 20 luglio, fra le 9 e le 10 (intervallo di tempo in cui era avvenuto l'omicidio), proprio davanti alla stessa Locanda Grande.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Distinta relazione del premeditato, atroce, proditorio omicidio commesso in Trieste li 8 dello scaduto giugno 1768 da Francesco Arcangeli nella persona del celebre Signor Giovanni Winckelmann... non che dell'esemplare sentenza pronunziata contro l'omicida, ed eseguita li 20 luglio dello stesso anno. In Trieste, ed in Roma, Si vende da Giovanni Bartolomich a Strada Fratina incontro il Palazzo Gavo, s.a. [1768].
  • Domenico de Rossetti: Johann Winckelmann's letzte Lebenswoche. Ein Beitrag zu dessen Biographie. Aus den gerichtlichen Originalacten des Kriminalprozesses seines Mörders Arcangeli. Hrsg. von Dom. v. Rossetti. Mit einer Vorrede von Böttiger und einem facsimile Winckelmann's. Dresden 1818
  • (Domenico de Rossetti): Il sepolcro di Winckelmann in Trieste, Alvisopoli, Venezia 1823.
  • Cesare Pagnini (Hrsg.): Mordakte Winckelmann: die Originalakten des Kriminalprozesses gegen den Mörder Johann Joachim Winckelmanns (Triest 1768), aufgefunden und im Wortlaut des Originals in Triest 1964. Übersetzt und kommentiert von Heinrich Alexander Stoll. Akademie-Verlag Berlin 1965 (Italienische Ausgabe: Gli atti originali del processo criminale per l'uccisione di Giovanni Winckelmann 1768. 1964)
  • Elio Bartolini (a cura di), L'assassinio di Winckelmann. Gli atti originali del processo criminale (1768), Longanesi, Milano 1971.
  • Dominque Fernandez, Signor Giovanni, Rizzoli, Milano 1986 (Romanzo su questo fatto di cronaca).
  • Franco Farina: Endpunkt Triest. Leiden und Tod von Johann Joachim Winckelmann. (= Akzidenzen; Band 5). Winckelmann-Gesellschaft, Stendal 1992.
  • Hein van Dolen: Mord in Triest. Der Tod von Johann Joachim Winckelmann (1717-1768) aus einer neuen Sicht. (= Akzidenzen; Band 10). Winckelmann-Gesellschaft, Stendal 1998