Francesco Albertini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il politico con lo stesso nome, vedi Francesco Albertini (politico).

Francesco Albertini (Firenze, 1469 circa – post 30 agosto 1510[1]) è stato un antiquario italiano studioso di arte figurativa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Non si sa molto di Francesco Albertini. Avrebbe studiato pittura col Ghirlandaio. Canonico della Basilica di San Lorenzo a Firenze si sarebbe recato a Roma come cappellano del cardinale Fazio Santoro.

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1510 furono pubblicate tre sue opere:

  • Opusculum de mirabilibus novae & veteris urbis Romae, presso lo stampatore Iacopo Mazzocchi di Roma;
  • Septem mirabilia orbis et urbis Romae et Florentinae, presso lo stampatore Iacopo Mazzocchi di Roma, un opuscolo dedicato al re Emanuele di Portogallo; e
  • Memoriale di molte picture e statue sono nella inclyta cipta di Florentia, stampato a Firenze, generalmente considerato la prima guida di Firenze.

Scrisse altre opere di cui ci sono pervenuti i soli titoli:

  • De Urbis stationibus et reliquiis (si tratterebbe di una guida alle stazioni della liturgia romana e alle reliquie contenute in Roma);
  • De confessione;
  • De modo recte vivendi:
  • De sacramento;
  • Expositio super orationem Dominicam et super salutationem angelicam;
  • De musica;
  • Opusculum sententiarum pontificum et sapientium;
  • De significatione et expositione arboris palmae.
  • Famoso per i suoi scritti: attrito dell'aria, amazza-garbugli, "io e l'amico Fritz" e l'OTALMOLOGO polacco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ De Boer, p. 11.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN100168422 · ISNI (EN0000 0000 7688 8684 · LCCN (ENn85046489 · GND (DE100005888 · BNF (FRcb12546628m (data) · BAV ADV10292568 · CERL cnp01120447
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie