Fortress (videogioco 1983)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fortress
videogioco
Fortress C64.png
Schermata sul Commodore 64
Piattaforma Apple II, Atari 8-bit, Commodore 64, NEC PC-8801, NEC PC-9801
Data di pubblicazione Apple, Atari: 1983
C64: 1984
NEC: 1989
Genere Strategia a turni
Tema Medioevo
Sviluppo Iconographics (Jim Templeman e Patty Denbrook)
Pubblicazione Strategic Simulations, Cross Media Soft (NEC), Thunder Mountain/Mindscape (riedizione)
Modalità di gioco Giocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di input Joystick, tastiera
Supporto Dischetto

Fortress è un videogioco strategico a turni pubblicato da Strategic Simulations nel 1983 per Apple II e Atari 8-bit e nel 1984 per Commodore 64. Nel 1989 uscirono anche versioni per i giapponesi NEC PC-8801 e NEC PC-9801.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco avviene su una scacchiera 6 x 6 inizialmente vuota, tra due giocatori umani o contro il computer. Una partita dura un numero di turni prefissato (di default 21) e lo scopo è occupare il maggior numero di caselle con il proprio colore (bianco o nero) alla fine. Al proprio turno il giocatore deve piazzare una fortezza su una casella priva di fortezze nemiche; se è già occupata da una delle proprie fortezze, questa viene rinforzata, raddoppiandone o al massimo triplicandone l'efficacia. La mossa aumenta di un grado il controllo del giocatore anche su tutte le caselle adiacenti in orizzontale e verticale, producendo un effetto a seconda di cosa contengono:

  • se la casella è vuota, diventa controllata dal giocatore e viene occupata da una bandierina del proprio colore;
  • se contiene una bandierina avversaria con pari grado di controllo, questa viene eliminata e la casella rimane vuota;
  • se contiene una fortezza avversaria con pari grado di controllo, questa viene messa sotto assedio;
  • se contiene una fortezza avversaria già sotto assedio, questa viene eliminata, compresa la sua influenza sulle caselle circostanti.

Inizialmente vengono forniti cinque possibili avversari computerizzati, con diversa abilità e diversi stili di gioco, ma è possibile creare e salvare su disco le statistiche di altri giocatori umani e computerizzati. I giocatori controllati dal computer in particolare possono apprendere dalle partite fatte e migliorare la propria strategia con l'esperienza, salvandola quindi su disco.

All'epoca della pubblicazione di Fortress, Strategic Simulations organizzò anche un torneo, con un premio di 1000 dollari, tra i giocatori computerizzati "allenati" dai partecipanti; per partecipare bisognava spedire a SSI un dischetto contenente il salvataggio del proprio giocatore computerizzato, che l'azienda avrebbe fatto competere contro quelli degli altri[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Announcing the $1,000 SSI Fortress Tournament (JPG) (inserzione), in Compute!, nº 43, Greensboro, Compute! Publications, dicembre 1983, p. 131, ISSN 0194-357X.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Fortress (JPG), in 1984 Software Encyclopedia, nº 2, 2ª ed., Reese Communications, 1983, p. 18.
  • (EN) Fortress (JPG), in Antic, vol. 3, nº 1, aprile 1984, p. 93. Trascrizione, atarimagazines.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi