Fortezza di Akershus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fortezza di Akershus
Akershus Festning
OSLO-NO-02 05 ubt.jpeg
Castello e fortezza di Akershus
Ubicazione
StatoNorvegia Norvegia
CittàOslo
Coordinate59°54′24″N 10°44′10″E / 59.906667°N 10.736111°E59.906667; 10.736111Coordinate: 59°54′24″N 10°44′10″E / 59.906667°N 10.736111°E59.906667; 10.736111
Informazioni generali
TipoCastello
Inizio costruzionefine XIII secolo
Materialepietra
Primo proprietarioHaakon V di Norvegia
Condizione attuale
  • Uffici del Ministero della difesa
  • Quartier generale dello Stato Maggiore della Difesa
  • Museo delle Forze armate norvegesi
  • Museo della Resistenza norvegese
Proprietario attualeStato della Norvegia
Visitabile
Informazioni militari
Funzione strategicaProtezione della città di Oslo
Termine funzione strategicaseconda guerra mondiale
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La fortezza (o castello) di Akershus (Akershus slott og festning) è un castello, costruito per proteggere Oslo.

Posizione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Si trova in una posizione strategica sul lato orientale del porto, dominante rispetto al fronte del porto, ed è in effetti la principale attrattiva architettonica della città. Accanto al monumento alla memoria ai combattenti per la resistenza, giustiziati sul posto durante la seconda guerra mondiale, si trova il Museo Norvegese della Resistenza Norges Hjemmefront Museet.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello fu edificato dal re Haakon V verso la fine del XIII secolo. La fortezza ha resistito a diversi assedi, il primo dei quali fu posto dal duca Erik di Södermanland nel 1308; nessun assediante ha mai preso il castello in battaglia, sebbene i difensori si siano arresi ai tedeschi nel 1940 nel corso dell'Operazione Weserübung, ovvero l'invasione di Danimarca e Norvegia.

Nella fortezza sono stati sepolti anche diversi monarchi norvegesi, tra cui:

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lonely Planet, su lonelyplanetitalia.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]