Fondo unico per lo spettacolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Fondo Unico per lo spettacolo)

Il Fondo unico per lo spettacolo (FUS) è il meccanismo utilizzato dal governo italiano per regolare l'intervento pubblico nei settori del mondo dello spettacolo (cinema, teatro, musica, etc).

Il FUS è stato creato con l'articolo 1 della legge 30 aprile 1985, n. 163, presentata al Parlamento dal Ministro per il Turismo e lo Spettacolo, Lelio Lagorio, e promulgata dal Presidente della Repubblica Sandro Pertini[1] per fornire sostegno finanziario ad enti, istituzioni, associazioni, organismi e imprese operanti in cinema, musica, danza, teatro, circo e spettacolo viaggiante, nonché per la promozione ed il sostegno di manifestazioni e iniziative di carattere e rilevanza nazionale in Italia o all'estero.

Finanziamento[modifica | modifica wikitesto]

Il FUS viene rifinanziato ogni anno con la legge finanziaria e viene ripartito tra i vari settori con un decreto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Il finanziamento complessivo dall'istituzione nel 1985 ad oggi è stato delle entità che seguono.

Anno Importo  % PIL
1985 € 357.480.000 0,0832
1986 € 414.610.000 0,0873
1987 € 443.870.000 0,0854
1988 € 464.030.000 0,0804
1989 € 428.590.000 0,0676
1990 € 459.430.000 0,0652
1991 € 436.290.000 0,0567
1992 € 477.130.000 0,0589
1993 € 460.630.000 0,0552
1994 € 460.580.000 0,0522
1995 € 439.020.000 0,0461
1996 € 471.820.000 0,0468
1997 € 461.890.000 0,0438
1998 € 477.670.000 0,0435
1999 € 494.310.000 0,0436
2000 € 499.360.000 0,0417
2001 € 530.340.000 0,0422
2002 € 499.820.000 0,0384
2003 € 517.930.000 0,0386
2004 € 499.390.000 0,0357
2005 € 464.490.000 0,0323
2006 € 427.300.000 0,0286
2007 € 441.290.000 0,0284
2008 € 471.330.000 0,0299
2009 € 397.000.000 0,0260
2010 € 398.060.000 0,0256
2011 € 407.610.000 0,0258
2012 € 411.464.000 0,0263
2013 € 389.077.276 0,0249
2014 € 406.229,00

Il FUS è ripartito tra i diversi settori (ai sensi dell'art. 2 della Legge 163/1985), in ragione di quote non inferiori al 45% per le attività musicali e di danza, al 25% per le attività cinematografiche, al 15% per quelle del teatro di prosa ed all'1% per le attività circensi e dello spettacolo viaggiante. Nell'anno 2014 la ripartizione è stata la seguente.

Ambito Percentuale Direzione
Fondazioni liriche 47,00% Direzione Spettacolo dal vivo
Attività musicali 14,10%
Attività di danza 2,64%
Attività teatrali di prosa 16,04%
Attività circensi e spettacolo viaggiante 1,40%
Attività cinematografiche 18,59% Direzione Cinema
Osservatorio dello Spettacolo 0,20% Altro
Spese funzionamento Comitati e Commissioni 0,03%

Spettacolo dal Vivo[modifica | modifica wikitesto]

A seguito della riforma operata dal cosiddetto "Decreto Cultura" (decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91, convertito con legge 7 ottobre 2013, n. 112) l'erogazione dei contributi per lo spettacolo dal vivo sono regolati da un regolamento ministeriale (adottato con Decreto del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo 1º luglio 2014)[2].

Questa disciplina secondaria ha introdotto dei nuovi criteri di attribuzione dei contributi. L'assegnazione dei contributi avviene sulla base della presentazione da parte di ciascun soggetto di un progetto artistico triennale. Per ogni categoria di attività finanziate. Il meccanismo di assegnazione è prevalentemente automatico, con una quota minoritaria riservata alla valutazione discrezionale delle commissioni tecniche. Per ciascun ambito di attività finanziate sono individuate una serie di categorie di soggetti finanziati, individuate dai criteri per l'erogazione dei contributi allo spettacolo dal vivo.

Le categorie individuate, ai fini dell'assegnazione dei contributi FUS, sono le seguenti.

PRODUZIONE PROGRAMMAZIONE
TEATRO TEATRI NAZIONALI
(ART. 10)
TEATRI DI RILEVANTE INTERESSE CULTURALE
(ART. 11)
IMPRESE DI PRODUZIONE
(ART. 14)
CENTRI DI PRODUZIONE
(ART. 15)
CIRCUITI
(ART. 16)
ORGANISMI DI PROGRAMMAZIONE
(ART. 17)
FESTIVAL
(ART. 18)
MUSICA TEATRI DI TRADIZIONE
(ART. 19)
ICO
(ART. 20)
ATTIVITA' LIRICHE ORDINARIE
(ART. 21)
COMPLESSI STRUMENTALI
(ART. 22)
CIRCUITI
(ART. 23)
PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' CONCERTISITICA E CORALE
(ART. 24)
FESTIVAL
(ART. 25)
DANZA ORGANISMI DI PRODUZIONE DANZA
(ART. 26)
CENTRI DI PRODUZIONE DANZA
(ART. 27)
CIRCUITI
(ART. 28)
ORGANISMI DI PROGRAMMAZIONE
(ART. 29)
FESTIVAL E RASSEGNE
(ART. 30)
CIRCO ATTIVITÀ CIRCENSE
(ART. 33)
FESTIVAL CIRCENSI
(ART. 34)

Per l'ambito teatro, le categorie individuate sono le seguenti[3].

PRODUZIONE

Categorie Soggetti accreditati Definizione Requisiti annuali Riferimento normativo
Teatri nazionali 7 Organismi che svolgano attività teatrale di notevole prestigio nazionale e internazionale e che si connotino per la loro tradizione e storicità. 240 giornate recitative di produzione e di 15.000 giornate lavorative Art. 10 D.M.
Teatri di rilevante interesse culturale 19 Organismi che svolgano attività di produzione teatrale di rilevante interesse culturale prevalentemente nell'ambito della regione di appartenenza 160 giornate recitative di produzione e di 6000 giornate lavorative Art. 11 D.M.
Imprese di produzione teatrale 160 Imprese di produzione teatrale, commedia musicale e operetta 110 giornate recitative e 1300 giornate lavorative Art. 14 D.M.
Centri di produzione teatrale 29 Organismi che svolgono attività di produzione e di esercizio presso un massimo di tre sale teatrali, per un totale di almeno 300 posti con una sala di almeno 200 120 giornate recitative di produzione, 100 giornate recitative di programmazione e 3500 giornate lavorative Art. 15 D.M.

PROGRAMMAZIONE

Categorie Soggetti accreditati Definizione Requisiti annuali Riferimento normativo
Circuiti regionali 3 Circuiti regionali, che svolgano attività di distribuzione, promozione e formazione del pubblico in idonee sale teatrali di cui l'organismo ha la disponibilità 160 giornate recitative Art. 16 D.M.
Organismi di programmazione 14 Organismi di programmazione, gestori di una sala teatrale 2000 giornate lavorative Art. 17 D.M.
Festival 27 soggetti pubblici e privati organizzatori di festival di particolare rilievo nazionale e internazionale

che contribuiscano alla diffusione e allo sviluppo della cultura teatrale, alla integrazione del teatro con il patrimonio artistico e alla promozione del turismo culturale

2000 giornate lavorative Art. 18 D.M.

Ogni anno l'Osservatorio dello spettacolo costituito presso il Ministero dei beni e delle attività culturali e inquadrato nella Direzione generale spettacoli dal vivo, redige una relazione riguardante l'utilizzo dei finanziamenti previsti dal FUS che viene presentata dal ministro al Parlamento. L'ultima relazione pubblicata sul sito del ministero è quella relativa all'anno 2013[4].

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Diverse economisti, politici e giornalisti propongono da anni l'abolizione del FUS oppure il suo ridimensionamento. Membri dell'Istituto Bruno Leoni sostengono, ad esempio, che la malagestione dei fondi regalati dallo Stato italiano tramite il FUS ad enti lirici, fondazioni, teatri e cinema sarebbe innanzitutto viziata da un'assegnazione clientelare dei fondi stessi, basata più sulle amicizie tra gestori e politici che sulla qualità dell'opera finanziata, e poi ad una distorsione del mercato dei beni culturali italiani, ad una sistema di concorrenza sleale tra beneficiari e non-beneficiari, ed infine ad un abbassamento generale della qualità dei progetti d'arte proposti.[5]

Essendo poi i soggetti ed i progetti finanziati dal FUS sempre gli stessi ogni anno, gli studiosi dell'Istituto Bruno Leoni si chiedono:

« Nei fatti, poi, la scelta che, ogni anno, determina l'erogazione delle risorse si risolve nel favorire sempre i medesimi soggetti. E questo è particolarmente evidente nel settore dello spettacolo dal vivo. Così, la tanto sbandierata logica del finanziamento “a progetto” viene smentita da un sistema eccessivamente rigido. A essere premiati con contributi stabili e costanti sono sempre gli stessi. Come può allora esserci concorrenza se gli interventi pubblici vanno sempre verso gli stessi beneficiari e magari si stratificano con quelli erogati da Regioni ed enti locali? »
(BrunoLeoni.it - Uno spettacolo che non deve continuare[6])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Legge 30 aprile 1985, n. 163: "Nuova disciplina degli interventi dello Stato a favore dello spettacolo"
  2. ^ http://www.spettacolodalvivo.beniculturali.it/index.php/normativa-fus-e-contributi/doc_download/928-decreto-ministeriale-1-luglio-2014-contributi-fus Nuovi criteri per l’erogazione e modalità per la liquidazione e l’anticipazione di contributi allo spettacolo dal vivo, a valere sul Fondo unico per lo spettacolo
  3. ^ http://www.spettacolodalvivo.beniculturali.it/index.php/teatro-contributi/565-assegnazione-contributi-2015-teatro TRIENNIO 2015/2017: ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI FUS 2015
  4. ^ http://www.spettacolodalvivo.beniculturali.it/index.php/normativa-teatro/doc_download/1026-relazione-sullutilizzazione-del-fondo-unico-per-lo-spettacolo Relazione Fondo Unico Spettacolo 2013
  5. ^ BrunoLeoni.it - Dossier FUS
  6. ^ http://brunoleonimedia.servingfreedom.net/Focus/IBL_Focus_140_Cavazzoni.pdf

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]