Direzione generale Cinema

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Direzione generale per il cinema)
Jump to navigation Jump to search
Direzione Generale per il Cinema
StatoItalia Italia
OrganizzazioneMIBACT
SiglaDGC
Istituito2001
PredecessoreDirezione generale per la cinematografia
DirettoreNicola Borrelli
SedeRoma
IndirizzoPiazza Santa Croce in Gerusalemme 9/a - 00185 Roma
Sito web

La Direzione generale Cinema è una struttura del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo che si occupa di promuovere lo sviluppo e la diffusione del cinema italiano e dell'industria cinematografica nazionale, attraverso la gestione del Fondo unico per lo spettacolo con cui sono finanziati interventi economici a sostegno di tali attività. Vengono anche svolte verifiche amministrative e contabili sugli enti sottoposti a vigilanza e sui soggetti beneficiari di contributi da parte del ministero. Vigila inoltre sulla fondazione del Centro Sperimentale di Cinematografia e su Cinecittà Holding S.p.A..

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La direzione venne costituita su iniziativa di Galeazzo Ciano nel 1934[1] come Direzione generale per la cinematografia presso il sottosegretariato di Stato per la stampa e la propaganda, che nel 1935 divenne a "Ministero per la stampa e la propaganda" (antesignano del Ministero della Cultura Popolare)[2]. Luigi Freddi ne fu il primo direttore generale.

Nacque con l'intenzione di costruire la più grande città del cinema in Europa, Cinecittà, e di esercitare una forma di censura e di controllo sui contenuti della produzione cinematografica contemporanea, usandola come veicolo per trasmettere alle folle i valori del regime.

Nel 1965[3] venne trasformata in Divisione cinema all'interno della Direzione generale dello spettacolo del Ministero del turismo e dello spettacolo.

Nel 1994[4] è stata inquadrata sotto il Dipartimento dello spettacolo della Presidenza del Consiglio dei ministri come Ufficio II - per le attività cinematografiche.

Nel 2007[5] è divenuta una delle direzioni del Ministero per i beni e le attività culturali, con il nome di Direzione generale per il cinema ed infine ai sensi dell'art. 18 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 29 agosto 2014, n. 171[6] assume il nome di Direzione generale Cinema.

Il direttore generale attuale (2015) è Nicola Borrelli.[7]

La Direzione è composta da due servizi:

  • Servizio I: Organizzazione e funzionamento — Osservatorio per lo spettacolo
  • Servizio II: Cinema e Audiovisivo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Regio decreto n.1434 del 6 settembre 1934
  2. ^ Documento 457 di 58223, su www.maas.ccr.it. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  3. ^ Legge n.1213 del 1965.
  4. ^ DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 marzo 1994, su www.gazzettaufficiale.it. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  5. ^ Decreto del Presidente della Repubblica n.233 del 2007 (PDF) [collegamento interrotto], su statistica.beniculturali.it.
  6. ^ « Regolamento di organizzazione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, degli uffici della diretta collaborazione del Ministro e dell'Organismo indipendente di valutazione della performance, a norma dell'articolo 16, comma 4, del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89 » pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 274 del 25 novembre 2014
  7. ^ Direttore Generale, su www.cinema.beniculturali.it. URL consultato il 19 febbraio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]