Fonderia Nebiolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ditta Nebiolo & Comp.
Fonderia Nebiolo art studio (cropped).jpg
Lo studio artistico Nebiolo
StatoItalia Italia
Fondazione1880 a Torino
Fondata daGiovanni Nebiolo
Chiusura1993 Fallimento
Sede principaleVia Bologna
Persone chiaveAldo Novarese, Raffaello Bertieri, Alessandro Butti
ProdottiCaratteri tipografici, macchine tipografiche

La Nebiolo fu una delle più importanti fonderie di caratteri tipografici, nonché fabbrica di macchine per tipografia italiane. Fondata a Torino nel 1880 da Giovanni Nebiolo, venne chiusa nel 1993.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1878 Giovanni Nebiolo acquistò da Giacomo Narizzano una piccola fonderia di caratteri che era attiva a Torino dal 1852. Due anni dopo, il 13 giugno 1880 Nebiolo insieme a Lazzaro Levi diede vita alla ditta Nebiolo & Comp, con sede in via dei Fiori, zona San Salvario, che all'epoca ospitava diverse industrie tra cui anche Fiat e Lancia. In pochi anni la società si espanse aggiungendo alla produzione di caratteri tipografici la fabbricazione di macchine per la stampa e, nel 1888, furono inclusi quattro nuovi soci: Benedetto Foa, Giuseppe Bedarida e i fratelli Lazzaro e Giuseppe Levi.
In seguito al continuo aumento della produzione, nel 1889 la Nebiolo si trasferì dal quartiere San Salvario a un nuovo stabilimento in corso Regio Parco. Nel 1891 Giuseppe Nebiolo decise di ritirarsi dagli affari, ma accettò che il suo cognome restasse nella ragione sociale della ditta. Nell'ultimo decennio del XIX secolo però la diffusione di macchine per la stampa Linotype e Monotype, che componevano e giustificavano automaticamente le linee di caratteri, ebbe un impatto negativo sull'attività delle fonderie di caratteri tradizionali come la Nebiolo.[1][2]

La Nebiolo espanse ulteriormente il suo campo di attività di fonderia caratteri aggiungendo la produzione ed il commercio di macchine tipografiche tedesche e di altri attrezzi per la tipografia. A partire dal 1899 la ditta cominciò ad assorbire diverse altre fonderie di caratteri e, per un certo periodo di tempo, cambiò il nome in Società Augusta Torino, ma ritornò poi al nome originale, Nebiolo&Co.

L'attività di disegno di caratteri tipografici originali si intensificò a partire dagli anni '30, in un primo momento sotto la direzione creativa del pittore Giulio da Milano poi, dal 1936, sotto la direzione artistica di Alessandro Butti e, dal 1952, di Aldo Novarese.[3]

Catalogo dei tipi di carattere[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito un elenco aggiornato con gli ultimi tipi di carattere in catalogo[4][5]

Numero di catalogo Tipo di carattere Anno Autore
101 Romano antico
102 Romano antico
103 Antonio Farina
104 Antonio Blado
105 Raffaello
106 Romano moderno (poi Romano)
107 Aldo Manuzio
108 Paganini 1928 Alessandro Butti e Raffaello Bertieri
109 Vittorio
110 Iliade 1930 Raffaello Bertieri
111 Bodonia 1913
112 Radio
113 Trieste
114 Jenson
115 Inkunabula[6] 1911
116 Sinibaldi 1926 Raffaello Bertieri
117 Ruano 1933 Raffaello Bertieri
118 Franklin
119
120 Libertas
121 Elzeviri classici
122 Athenæum 1945 Alessandro Butti e Aldo Novarese
123 Augustea 1951 Alessandro Butti e Aldo Novarese
124 Garaldus 1956-60 Aldo Novarese
125
126 Magister 1966 Aldo Novarese
200 Quirinus 1939 Alessandro Butti
201 Romano moderno
202 Romano moderno
203 Romano moderno
204 Romano moderno
205 G. B. Bodoni (poi Bodoni)
206 Romano moderno
207
208 Romano moderno (poi Romano)
208 Torino 1908
209 Aldino
210 Orlando
211 Romano
212 Bodoniano
213 Hidalgo
214 Inglesi allungati
215
216 Normandia 1946-49 Alessandro Butti e Aldo Novarese
301 Landi 1939-43 Alessandro Butti e Aldo Novarese, variazione su Welt (1931, Hans Wagner)
302 Egiziano
303 Latino
304 Canova
305 Planeta
306 Egiziano
307 Nilo
308 Egizio 1953-57 Aldo Novarese
309
310 Dattilo 1972 Aldo Novarese, Gianni Parlacino, Luciano Agosto[7]
401 Cairoli
402 Narciso
403 Etrusco 1955 Aldo Novarese
403 Razionale 1935 Giulio Da Milano
404 Recta 1958-61 Alessandro Butti e Aldo Novarese
405 Segesta
406 Etrusco
407 Bastone
408 Bastone
409 Bastone
410 Etrusco
411 Bastone
412 Bastone
413 Microgramma 1952 Alessandro Butti e Aldo Novarese
414 Microgramma (serie nera)
415 Eurostile 1962 Aldo Novarese
416 Metropol 1967 Aldo Novarese
417
418
419
420 Forma 1966-68 Aldo Novarese, Gianni Parlacino, Luciano Agosto[8]
501 Semplicità 1930
502 Monza
503 Piacenza
504 Barnum
505 Dante Rossetti
506 Piave
507 Gigante
508 Ideal
509 Adamello
510 Rolando
511 Cadorina
512 Titano
513 Viterbo
514 Trento
515 Brunelleschi
516 Pacinotti
517 Cenisio
518 Urania
519 Atlanta
520 Tanagra 1910, distribuito nel 1924 Natale Varetti
521 Cesare Da Sesto
522 Splendor
523 Tiziano
524 Marco D'Oggino
525 Nicola
526 Ottocento 1930
527 Neon 1935 Giulio Da Milano
528 Resolut 1937 Hans Brünnel
529 Hastile 1941
530 Fontanesi 1954 Aldo Novarese
531 Ritmo 1955 Aldo Novarese
532 Estro 1961 Aldo Novarese
533 Oscar 1966 Aldo Novarese
534 Stop 1970 Aldo Novarese
601 Virgilio
602 Donatello
603 Iolanda
604 Bari
605 Calipso
606 Bernina
607 Siena
608 Gotico (in 4 alfabeti diversi)
609 Ronda
610 Scritto a lapis
611 Scritto verticale
612 Americana
613 Inglese vicentino
614 Inglese vittoria
615 Inglese Londra (poi Londra)
616 Inglese
617 Bastarda
618 Bastarda
618 Juliet 1955 Alessandro Butti e Aldo Novarese
619 Bastarda
620 Macchina da scrivere
621 Veltro 1930
622 Fluidum 1951 Alessandro Butti
623
624 Cicogna Alessandro Butti
625 Rondine 1948 Alessandro Butti
626 Cigno 1954 Aldo Novarese
627 Slogan 1957 Aldo Novarese
628 Elite 1968 Aldo Novarese
629
630 Iniziali gotiche
631 Iniziali gotiche
632 Iniziali gotiche ornate
633 Iniziali gotiche del '400
901 Fregio
902 Fregio
903 Fregio
904 Fregio impero
905 Fregi G. B. Bodoni
906
907 Fregio
908 Fregio
909 Fregio gotico
910 Fregio
911 Fregio Pontebba
912 Fregio Dolomiti
913 Fregio
914 Fregio
915 Fregio
916 Fregio littorio (poi Fregio)
917 Fregio littorio (poi Fregio)
918 Fregio littorio (poi Fregio)
919 Fregio littorio (poi Fregio)
920 Fregio
921 Fregio
922 Fregio
923 Fregio
924 Fregio
925 Fregio
926 Fregio
927 Fregio
928 Fregio
929 Fregio

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b MuseoTorino, Comune di Torino, Nebiolo - MuseoTorino, su museotorino.it. URL consultato il 23 agosto 2021.
  2. ^ I Corsi di Storia e Cultura dell'Industria - Nebiolo - Storia, su corsi.storiaindustria.it. URL consultato il 23 agosto 2021.
  3. ^ (EN) Nebiolo, su luc.devroye.org. URL consultato il 24 agosto 2021.
  4. ^ Catalogo Nebiolo 1935 https://issuu.com/archiviotipografico/docs/campionario_nebiolo
  5. ^ Catalogo Nebiolo, https://issuu.com/manifatturatipistrani/docs/campionario_societ__nebiolo
  6. ^ Caratteri Inkunabula https://issuu.com/archiviotipografico/docs/inkunabula_bassa
  7. ^ Archivio Tipografico, http://www.archiviotipografico.it/it-IT/collezione/caratteri/dattilo
  8. ^ Archivio Tipografico https://www.archiviotipografico.it/it-IT/collezione/caratteri/forma

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende