Figura etimologica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La figura etimologica è una figura retorica che consiste nell'accostamento di due o più parole che condividono la stessa radice etimologica. È un particolare tipo di paronomasia. Il suo utilizzo serve principalmente a rafforzare ed evidenziare il concetto espresso.

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

«selva selvaggia » (Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno - Canto primo, v. 5)
«Amor, ch’a nullo amato amar perdona » (Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno - Canto quinto, v. 103)
«e li 'infiammati infiammar sì Augusto » (Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno - Canto tredicesimo, v. 68)
«prima ch'io disfatto, fatto » (Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno - Canto sesto, v. 42)
«E se, come ora, la distanza si distanzia, la lontananza si allontana, e la perdita si perde, si assenta l’assenza… » (Giorgio Manganelli)
«vivere la vita»

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica